Mamme stressate: ecco alcuni rimedi per rilassarsi!

mamme-stressate

Non dovrò certo dirvi io che crescere un bambino è tanto bello, ma anche tanto faticoso: nei primi anni di vita, la straordinaria avventura di crescita del nostro bimbo è così impegnativa che è impossibile non trovare una mamma che - almeno una volta - non si sia trovata ai limiti dell'esasperazione. Ebbene si, le mamme stressate esistono e non sono neppure poche.
Spesso, in questi momenti, è possibile contare su qualcun altro, come il partner o i nonni, che - al posto della madre - si prendono cura del bambino, lasciandole anche solo una mezz'ora tutta per se per farsi una doccia o bersi un caffè in santa pace.

Il più delle volte, però, non è così: il marito al lavoro e i nonni distanti lasciano tutti gli onori e gli oneri addosso alla mamma. Nei momenti critici ci sarebbe bisogno di fare delle cose che ci aiutino a rilassarci, già, ma quali?
Una di queste è uscire a fare quattro passi insieme al bebè: un pieno di aria fresca e una breve passeggiata (preferibilmente immersi nel verde del parco) faranno distendere i nervi a tutti; nel caso in cui uscire è impossibile per qualsiasi motivo, ecco che possiamo rilassarci facendo le bolle di sapone insieme al nostro bimbo.
Non solo lui si distrarrà, ma noi potremo fare - divertendoci - esercizi di rilassamento e respirazione; oppure possiamo fargli un bel massaggio: tutte noi sappiamo quanto sia piacevole lasciarci massaggiare e, quindi, perché non dovrebbe far piacere e portare beneficio anche a lui (e, quindi, anche a noi)?

Ultimo, ma non certo ultimo il consiglio evergreen per tutte le mamme stressate è quello di sfruttare ogni momento di "calma piatta": il bambino dorme? Non pensiamo subito ai panni da stirare o ai mestieri da fare, ma dedichiamo qualche minuto solo a noi.
Dalla manicure allo yoga, approfittiamo della tregua per coccolarci così da sentirci ben più distese quando il piccolo sarà di nuovo sveglio e pronto a impegnare tutte le nostre energie...

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.