Mio figlio non dorme. Ecco la soluzione: un fazzoletto!

mio-figlio-non-dorme

Una delle cose che preoccupa maggiormente i neogenitori, si sa, sono le notti insonni. Con l’arrivo di un bebè urlante, infatti, la paura che le ore di “dolce dormire” possano diventare un lontano ricordo si trasforma spesso nella dura realtà quotidiana.

In effetti, l’idea di passare intere nottate a cullare un frugoletto urlante che non ha la minima intenzione di chiudere gli occhi e lasciare riposare mamma e papà, certo, spaventa un po’ tutti, ed è facile incorrere nell'appello: "Aiuto, mio figlio non dorme!"

Mio figlio non dorme: il rimedio di un papà

Ecco allora che ognuno si ingegna come può. Storie di boschi fatati, ninne nanne, canzoncine, filastrocche, carillon, abbracci e massaggi rilassanti… chi più ne ha più ne metta. Ma se non funzionano né i metodi tranquilli né quelli più energici fatti di saltelli sul posto o mezze maratone per tutta la casa ecco che forse, la soluzione, può arrivare dal web.

Nathan Dailo, di Sydney, Australia, padre di Seth, bambino di 3 mesi, ha scoperto un metodo davvero innovativo per far addormentare il suo piccolo. Il video, caricato su Youtube, ha fatto il giro del mondo, ottenendo migliaia di visualizzazioni in poche settimane.

Secondo Dailo, basta un semplice fazzoletto di carta e in 40 secondi (o poco più) il gioco è fatto! Come, direte voi? Provate a dare un’occhiata al video per rimanere stupiti. A quanto pare, non c’è magia! L’unico trucco per far cadere nel mondo dei sogni anche il neonato più sveglio e curioso è quello di sventolare il fazzoletto sul faccino del bimbo, come se fosse una leggera carezza.

E se anche voi siete tra quei genitori disperati che ormai hanno gli occhi a forma di cuscino e non sognano altro che una sana e rigenerante dormita, perché non provate il metodo di questo papà australiano? Magari sventolare un fazzoletto non risolverà i vostri problemi, ma in fondo… tentar non nuoce!

Please follow and like us:

4 comments

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.