Neonato nasce morto all'ospedale di Chioggia

chioggia-neonato-morto-parto

Una tragedia si è consumata all'ospedale di Chioggia: un neonato è morto appena venuto al mondo per la disperazione dei genitori.

Durante la notte si erano rotte le acque della mamma, che quindi si era recata in ospedale per il parto. Appena arrivata però i medici hanno capito che c'era qualcosa che non andava. Il prof. Luigi Bergamini, Primario dell'Ostetricia dell'ospedale, ha dichiarato che il problema si deve essere presentato nelle ultime ore, provocando un'occlusione letale per il neonato.

Una gravidanza serena

A rendere ancora più drammatica la tristissima vicenda è il fatto che la donna durante i nove mesi di gravidanza non aveva accusato nessun tipo di problema. Anzi la gestazione scorreva tranquilla, non si era verificata alcuna complicazione, perciò quello che è successo è ancora più scioccante.

I medici hanno tentato un parto cesareo in extremis, ma ormai era troppo tardi.

Quel grande vuoto

La grande gioia per l'attesa, durata nove mesi per i genitori, adesso purtroppo dovrà lasciare il posto ad un vuoto incolmabile ed una tristezza infinita. I genitori dovranno mettere da parte biberon, culla e pannolini, e trovare la forza di ripartire dopo la più dolorosa delle perdite che un essere umano possa provare.

Please follow and like us:
error

74 comments

  1. Tiziana Bassi 2 Settembre, 2016 at 15:05 Rispondi

    Peccato non riuscire mai a sapere perché un bimbo cresce sereno per nove mesi e poi arrivati in ospedale muore.Perché?con tanti laureati uno che riesca a dire è stato per x motivo!!
    E poi ancora peggio leggere che il dolore sarà rimettere a posto biberon e culla.
    Non dovreste dare notizie simili se non si ha la certezza delle cause così solo per dare una notizia e renderla più tragica scrivendo di biberon e culla.
    Rispetto per il dolore di una donna che ha portato in grembo il suo cucciolo e non potrà abbracciarlo senza un motivo.
    Piccolo angelo veglia sui tuoi genitori.💙

    • Ilaria Liut 2 Settembre, 2016 at 15:37 Rispondi

      Adesso faranno le dovute ricerche, faranno l’autopsia credo e scopriranno cosa è successo. Purtroppo spesso l’importante è dare notizie… Poi i dettagli man mano che si scoprono… Più che altro non capisco il motivo dello stupore, “la gravidanza è andata bene per 9 mesi” e che vuol dire?? La gravidanza più perfetta di sto mondo può finire in un attimo a causa di una trombosi… A me è successo (per mia fortuna con conseguenze migliori), gravidanza perfetta, addirittura dimagrivo (partendo da un peso abbastanza alto vedere che io calavo e la bimba cresceva a meraviglia sembrava un sogno!). Eppure a 30 settimane mia figlia non si è più mossa, parte del suo intestino non aveva mai lavorato a causa di una malformazione, quindi niente di prevedibile e nessuna causa particolare se non sfortuna. Nata gravemente prematura, tagliati 37 cm di intestino….. tre settimane fa ha fatto un anno, non ha avuto nessun problema anche se le manca 1/3 di intestino. Poteva morire, ma la gravidanza era stata perfetta!

    • Tiziana Bassi 2 Settembre, 2016 at 16:16 Rispondi

      Perdona la franchezza.
      Ma a questo punto a che serve dare una notizia simile?
      Inoltre…
      A che servono tutte quelle analisi se non sono di diagnosi ma solo di screening?
      Evidentemente c’è qualcosa che cozza con tutto quello che gira intorno alle nascite.
      Ci fanno fare due milioni di analisi eco (tra l’altro le eco impauriscono i bambini) per la fobia di malformazioni o malattie,con la scusa maniacale della perfezione,facendo leva sulle nostre paure o sulla scarsa informazione per cosa?
      Allora forse dovremmo rivedere il significato di assistenza al parto di analisi e forse il significato di venire al mondo.
      Allora non serve vivere nove mesi con l’ansia,ma con il rispetto che si deve alla donna e al cucciolo.
      Forse qualcosa è successo…che significa occlusione fetale?
      Chissà se è stato un parto rispettato.Ho i miei dubbi.
      In ogni caso si danno le notizie dopo aver saputo i fatti …altrimenti per me è terrorismo psicologico.

    • Ilaria Liut 2 Settembre, 2016 at 17:12 Rispondi

      Non tutto è prevedibile… Nel caso di mia figlia l’ultima eco l’ho fatta 10 giorni prima della nascita, eppure era tutto perfettamente a posto… Certe malformazioni non sono tanto visibili, non si parla di malformazioni visibili come può essere la mancanza di un braccio, un piede, o simili… Era una malformazione delle cellule, che di punto in bianco sono impazzite e si sono “ribellate”. Io ho fatto un’ipotesi sulla trombosi o l’embolia, perché purtroppo è una cosa frequente… Io ho fatto degli esami particolari per scoprire che rischio la trombosi, ma sono esami genetici che non si fanno normalmente, almeno non finché non si hanno un tot di aborti. Quindi a chiunque può succedere una cosa del genere, motivo per cui molti medici sono dell’idea che tutte le donne in gravidanza dovrebbero assumere anticoagulante e portare le calze antitrombosi, perché la gravidanza in sé è un fattore di rischio per la trombosi in una donna.

    • Tiziana Bassi 2 Settembre, 2016 at 17:23 Rispondi

      Santo cielo.la gravidanza non è un fattore di rischio.
      Semmai cardio patologie (quindi pressione alta etc) sono più pericolose in gravidanza.
      Come altre malattie particolari.
      Ma se hai avuto problemi non è per la gravidanza in se’ ma forse perché quelle problematiche le avevi già e si accentuano con la gravidanza non il contrario.
      E comunque convieni con me che non sono analisi ma monitoraggio continuo e spesso inutile.
      Inoltre ho letto che si è trattato di un nodo al cordone…sarebbe bastata una manovra ostetrica o un’episiotomia perché il bimbo nascesse senza complicazioni.
      In sala parto ne combinano tante…e finalmente oggi si denunciano.

    • Ilaria Liut 2 Settembre, 2016 at 17:44 Rispondi

      La gravidanza è fattore di rischio per la donna perché circola il doppio del sangue ed è più facile che ci siano emboli o trombi. Ovvio che se una come me ha già altri problemi i rischi aumentano, ma ti assicuro che ci sono un sacco di donne senza nessunissimo problema, ma che perdono il bimbo a causa di una trombosi alla placenta. E quella non la puoi prevedere. Comunque le varie analisi, monitoraggi, ecografie ecc non è che non sono utili, semplicemente lo sono per determinate patologie e/o malformazioni. Certe malattie non si possono scoprire fino alla nascita, e magari questo era uno di quei casi. Poi io non è che posso sapere tutto esattamente, senza avere esami sottomano, senza autopsia e cose così posso solamente fare ipotesi… Quando chi di dovere avrà in mano tutti i documenti e gli esami necessari e verrà stabilità la causa della morte, allora si potrà puntare il dito, ma fino a quel momento la stessa colpa è dei medici tanto quanto lo è dei genitori o del destino.

    • Tiziana Bassi 3 Settembre, 2016 at 00:00 Rispondi

      E chissà forse così.
      O forse semplicemente si cerca una verità vista la forte medicalizzazione del parto.
      Nessuno ha fatto polemica su dottori o altro.
      Si sottolinea il fatto che forse sia giusto capire cosa è successo prima di dare questo tipo di notizie.
      E non è una novità che nei nostri reparti se ne combinano tante.
      Non serve google per conoscere.Basta leggere i giornali i seguire le campagne su parto consapevole e su violenza ostetrica.
      Vada su google a leggersi la proposta di legge a tal proposito.
      Chissà perché si deve sempre offendere dando degli ignoranti senza minimamente capire che forse si parla per il proprio vissuto…ciò significa che non è una verità assoluta!
      Non significa che non dobbiamo fare domande di fronte ad una morte ingiusta.
      Ognuno può dire la sua…siamo in democrazia.
      Ma nessuno è obbligato.
      Poteva esimersi dal dire la sua.
      E vabbè.

  2. Jessica Haxhiu Bardhi 2 Settembre, 2016 at 15:14 Rispondi

    Madonna non si possono leggere queste cose…. Scusate ma penso che dovreste avere avere un po’ di rispetto per le future partorienti che leggendo certe notizie potrebbero essere prese dall’ansia.
    Rispetto ovviamente il dolore di questa madre…. Che Rip quel piccolo angelo 😢.

  3. Daniela Parato 2 Settembre, 2016 at 15:20 Rispondi

    Sono in attesa e queste notizie non fanno altro che alimentare le paure che, naturalmente, mi salgono pensando al parto! Non è chiaro cosa sia andato storto, ad ogni modo non riesco nemmeno ad immaginare il dolore di questi due genitori! 😭

  4. Najla Aljan 2 Settembre, 2016 at 15:21 Rispondi

    successo anche a me purtropo mio figlio era 3,200 kg 53 cm era perfetto fin al giorno che doveva nascere in 9messe e statto fine del mondo per me in 2014 grazie al cielo addeso ho un figlia 8messi Najla e sto aspetando un altro bimbo me lo imagino il sofrimento di mama auguro che dio lo aiuta per avere forza e che dio gli benedica di nuovo :(((

    • Tiziana Bassi 2 Settembre, 2016 at 16:28 Rispondi

      Lo faccio io…ad una mia amica le hanno detto che il bambino nella discesa aveva un nodo al cordone.
      Se avesse continuato a spingere essendo bello lungo e grosso,avrebbe ulteriormente schiacciato il cordone impedendo l’ossigenazione.
      Facendo una semplice episiotomia si dava spazio ache al cordone.
      E lei ha dato approvazione e firmato per avere l’anestesia ai punti.
      Se così fosse sono stati poco attenti.
      E ahimè succede troppo spesso.

  5. Sofia Christopher Fabio 2 Settembre, 2016 at 15:46 Rispondi

    so cosa c si prova….rimani in ansia x 9 lunghi mesi per poter goderti quel piccolo grande gioiello e poi alla fine x colpa di qualcuno o qualcosa finisci in lacrime…e un dolore enorme e’ difficile da spiegare solo ki c’è passato capisce…e io sono in mezzo a queste sfortunate persone…nn aggiungo altro…

  6. Cristina Busnelli 2 Settembre, 2016 at 16:57 Rispondi

    Purtroppo puoi fare un’eco il giorno prima, e il giorno può succedere qualsiasi cosa. Molte cose nemmeno i medici sanno perché succedono, e non è possibile prevederle. Te lo dice una che ha avuto un figlio gravemente disabile per un’emorragia cerebrale in utero alla 35 settimana, vai a sapere il perché

  7. Masha Sfigatto 2 Settembre, 2016 at 17:51 Rispondi

    dio santo…. sn incinta di 36 settimane, purtroppo non reggo queste notizie….condoglianze ai genitori… egoisticamente per vivere serenamente queste ultime settimane blocco le brutte notizie.. scusate ancora ma nn le reggo proprio…

  8. Marie Biondini 2 Settembre, 2016 at 18:30 Rispondi

    La mia Viola era sana, nata sana e poi andata in asfissia ed è mancata a 4 soli 4 giorni.
    Fatto tutto il possibile, fatta autopsia ma non si è saputo nulla. Sono cose inspiegabili che possono succedere. Non è colpa di nessuno e credo sia anche inutile cercare di dare la colpa a qualcuno.
    So che lei mi ha dato tanta gioia, mi ha fatto sposare un uomo meraviglioso mi ha fatto conoscere l’affetto delle persone che mi stanno vicino.
    Chissà forse lo scopo della sua breve esistenza era proprio questo.
    Sono trascorsi 5 anni e mezzo lei è sempre con noi! Nel frattempo sono nati altri 3 splendidi figli; sono felice e serena.
    Si può superare, la forza di trova, arriva… Inspiegabilmente perché me lo avessero detto prima non ci avrei creduto.
    Forza e coraggio a questi genitori ❤️

  9. Nunzia Morra 3 Settembre, 2016 at 00:03 Rispondi

    comprendo benissimo cosa si prova. tornare a casa senza il tuo amore.senza la tua vita. ..la perdita di un figlio lascia un vuoto che nessuno potrà mai colmare. s’impara e sopravvivere….un abbraccio a qst due genitori….😢😢

  10. Francesca Barbera 3 Settembre, 2016 at 00:28 Rispondi

    Io lo so benissimo….Come tornano a casa distrutti…..Lo vissuto pure io…E ad oggi a distanza di 8anni la ferita e viva. …ferita che non si sanera mai…..Anche se arrivano altri figli…Il cuore e sempre spezzato.

  11. Ilaria Natale Leone 3 Settembre, 2016 at 13:50 Rispondi

    Causa: Il nodo vero di funicolo e’ una evenienza non così rara, imprevedibile, e dalle conseguenze a volte drammatiche perché improvvisamente determina la cessazione del flusso sanguigno dalla placenta al feto.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.