Il piccolo Charlie è in coma, i giudici ordinano di staccare la spina

Charlie Gard staccare spina

L'Alta Corte di Londra ha deciso di staccare la spina del piccolo Charlie Gard contro il parere dei genitori, Connie Yates e Chris Gard. Il bambino era nato in perfette condizioni lo scorso 4 agosto, ma lentamente ha iniziato a perdere peso e forza. Tutta colpa di una rarissima malattia, la sindrome di deperimento mitocondriale, di cui sono affetti appena 16 bambini in tutto il mondo.

Il bimbo soffre, bisogna staccare la spina

Il bimbo di 8 mesi è stato ricoverato al Great Ormond Street Hospital di Londra, e da lì i genitori avevano intenzione di trasferirlo negli Usa per provare una cura sperimentale. A nulla è servita la raccolta fondi online, con l'hashtag #Charliesfight (la battaglia di Charlie).

I giudici hanno ritenuto che il bimbo in coma stesse soffrendo, quindi pur ammirando il coraggio dei genitori hanno deciso di staccare la spina per il bene di Charlie.

La disperazione dei genitori: “Charlie interagisce con noi”

I genitori hanno accolto la sentenza in lacrime, la loro battaglia per il figlio sembra essere giunta tristemente alla fine. Anche se Charlie è intubato, i genitori sostengono che interagisce con loro, muove le mani e la bocca quando li vede. “Abbiamo chiesto ai giudici di ascoltare noi che siamo i suoi genitori, ma non c'è stato nulla da fare”- hanno commentato mestamente durante un'intervista alla BBC.

Please follow and like us:
error

30 comments

  1. Cinzia Mari 12 Aprile, 2017 at 14:28 Rispondi

    Questo bambino però dicono sia costantemente afflitto da dolori atroci che mai finiranno poiché non esiste una cura a questa rara malattia. E io piccolo ha solo 7mesi! Da mamma, dico che donargli una morte dignitosa è la cosa migliore anche se mi si stringe il cuore. Povero angelo.

    • Antonella Siniscalchi Manolo Gregori 12 Aprile, 2017 at 15:22 Rispondi

      Perdonami tanto anche io sono mamma tra il dire e il fare c’è di mezzo il mare dice il detto no? Per un genitore nn c’è MAI una morte dignitosa per il proprio figlio credo. Io sono del parere che finché c’è vita c’è speranza e un tribunale che si occupa di LEGGE (E NN DI VITA) nn può scegliere sulla vita o la morte di qualcuno anche se sta soffrendo. La medicina fa passi da gigante e da ex malata oncologica qualche sono stata, se Dio gli darà la forza di superare il dolore spero si troverà una cura magari da in altra parte …

    • Cinzia Mari 12 Aprile, 2017 at 19:45 Rispondi

      La medicina ahimè non spreca nemmeno tempo per le malattie rare, cosa di cui è afflitto questo sfortunato bambino.
      Ma Me lo auguro anche io come te. Che sia chiaro non sto giustificando la decisione del giudice, è solo che in natura non dovrebbero esistere bambini che soffrono dolori così atroci! Non riesco nemmeno a pensarci!!!
      In bocca al lupo 🍀

  2. Caterina Ele De Prisco 12 Aprile, 2017 at 14:54 Rispondi

    Il giudice era in lacrime mentre leggeva la sentenza. Non penso abbia deciso a cuor leggero. Il bambino ha dolori atroci secondo il medico non è giusto per un adulto figurati per una creatura cosi piccola. Quale genitore riesce a guardar soffrire il proprio figlio? Io sono mamma e posso capire la determinazione dei genitori ma non quando a pagarne le conseguenze è un figlio che soffre. Non vogliamo credere ad un giudice? OK però almeno crediamo ai medici quando dicono che non ci sono cure certe e che il piccolo soffre atrocemente!

  3. Anna Stallone 12 Aprile, 2017 at 14:55 Rispondi

    Sono mamma da poco e la storia di questo piccolo cucciolo mi strazia il cuore 😔 posso solo immaginare il dolore dei suoi genitori e vorrei tanto che il piccolino non soffrisse ancora..per questa Santa Pasqua la mia preghiera è per tutti i bambini malati e per Charlie in particolare..che Dio voglia manifestare la sua Onnipotenza e Misericordia sul piccolo e guarirlo da questa rara malattia 🙏🏻

  4. Mirella Sesana 12 Aprile, 2017 at 16:14 Rispondi

    Povera creaturina ho sentito che soffre parecchio, certo chi sono io per giudicare quello che decidono i giudici, sento una stretta al cuore che Dio voglia assisterlo e forse lui sa come aiutare in un verso o nell’altro questa creatura💜💓

  5. Suada Berisha 12 Aprile, 2017 at 22:21 Rispondi

    Cosa da fare la spina ma io stavo la spina a giudice e a tutti quelli che si permettono di dire una cosa del genere .Ma stiamo scherzando ma chi siete ma andate a fanculo ..finche Bate il cuore .Nn sidevono permettere … Spero che i genitori di questo bimbo facciano qualcosa io mi metterei davanti e voglio vedere chi passa a fare una cosa del genere … Giudici di merda

  6. Cristina Cris 13 Aprile, 2017 at 03:50 Rispondi

    Ma come si permettono per l amore del cielo fate vivere sto figlio i genitori hanno tutto il diritti facciamola finita di giudicare e dare leggi su una mamma che da la vita stessa per suo figlio nessuno ha diritto su questo bimbo se non lei e Dio per favore fate qualcosa nn toccatelosmettiamola

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.