Tiziano Ferro: “Desidero un figlio prima dei 40 anni”

tiziano ferro paternità

Il desiderio di paternità di Tiziano Ferro, annunciato qualche mese fa, non si è placato anzi è più forte che mai. Attualmente il cantante di Latina vive a Los Angeles negli Stati Uniti da quasi un anno, a stretto contatto con i genitori gay per comprendere le dinamiche. Oggi Tiziano ha 37 anni, ed in una recente intervista ha dichiarato di volere un bambino entro i 40 anni.

Gay Pride a Latina con Tiziano Ferro

Il 24 giugno sarà organizzata la seconda edizione del Gay Pride a Latina, la città natale di Tiziano Ferro che infatti sarà anche il promotore di questa iniziativa. Il cantante ha dichiarato che l'obiettivo è di stanare l'odio e la paura nelle province, per permettere a tutti di vivere liberamente secondo il proprio modo di essere.

Dopo il tour estivo, un anno sabbatico

Intanto Tiziano Ferro è pronto per il nuovo tour estivo che lo porterà in giro in 13 stadi italiani. Dopodiché si fermerà per un uno o due anni per scrivere un nuovo album, e magari anche per dedicarsi al suo progetto di paternità. Il cantante ha dichiarato che gli piacerebbe un giorno scrivere anche la sceneggiatura di un film. Insomma il futuro di Tiziano Ferro sembra essere ricco di novità!

Please follow and like us:
error

10 comments

  1. Eveline Darsie 11 Aprile, 2017 at 16:47 Rispondi

    I bambini hanno bisogno di amore sicuramente, ma anche il sacrosanto diritto di avere e poter chiamare MAMMA!!!!
    la madre, la “donna” non può essere sostituita da due uomini. Non sono contro i gay, anzi, sono persone come noi ma…
    Non condivido assolutamente la scelta dell utero in affitto ne L adozione da parte di coppie omosessuali, in cui posso appoggiare solo e forse di più L adozione di due mammme, ma assolutamente non quella di due papà

    • Eveline Darsie 12 Aprile, 2017 at 12:09 Rispondi

      Io ho le mie idee e me ne ciava un cazzo di cosa ti commuove…se non condividi ciò che ho detto son cazzi tuoi! Io vivo ugualmente benissimo !!!
      Hanno messo un articolo ed io da persona libera quale sono esprimo la mia opinione. Invece di commentare a cazzo sotto al mio di commento, fai lo stesso tu per conto tuo, ed invece di non dire nulla di sensato scrivi qual è il tuo pensiero riguardo La notizia!
      Amen

    • Vanessa Damiano Vicinanza 12 Aprile, 2017 at 15:02 Rispondi

      Partendo dal fatto che ognuno ha le sue idee e vanno rispettate. Ma non pensi che come un bimbo ha il diritto di chiamare Mamma ha anche il diritto di chiamare Papà? Anche io non sono favorevole all’utero in affitto per entrambe le coppie, però c’è anche da dire che molti di loro possono essere ottimi genitori amorevoli per bambini abbandonati…

    • Eveline Darsie 12 Aprile, 2017 at 18:03 Rispondi

      (Per la precisazione Io sono contro L adozione di figli dalle coppie gay e non sono omofoba!!! )Ho amici gay ed amiche lesbiche e sono loro i primi e le prime ad esser contro questo fatto che ritengono EGOISTICO. Quindi non voglio attacchi da persone OMOSESSUALI ED ETEROFOBE
      SOTTOLINEO CHE A ME CHE ESISTANO PERSONE OMOSESSUALI NON ME NE FREGA ASSOLUTAMENTE NULLA, NE LA COSA MI TANGE)

      IO PARLO ED HO UN OPINIONE SULLA BASE DI STUDI SCIENTIFICI

      LA RICERCA DEL DOTTOR REGENERUS AD ESEMPIO.

      Per quanto mi riguarda L’adozione di un bambino da parte di una coppia formata da persone dello stesso sesso è una violenza, perché lo si priva dell’identificazione e dell’emozione, del rapporto e della relazione, senza i quali soffrirà. C’è di mezzo il futuro della società, la gente deve essere aiutata a riflettere. La scienza, le ricerche e i casi clinici provano quanto sostengo
      Cosa dice la scienza?
      Tutto in natura e nell’uomo è fatto di aspetti diversi, ma complementari che hanno bisogno l’uno dell’altro per dare frutto. Ad esempio, l’ovulo e lo spermatozoo sono diversi, ma per continuare a vivere si devono incontrare. Allo stesso modo, nella persona affinché si sviluppi in armonia, è necessaria sia la figura femminile sia quella maschile. Il bambino per crescere deve poi sviluppare il rapporto e la relazione. Il primo lo impara identificandosi con il genitore del suo sesso. Questo è importante perché solo con un’identità forte sarà capace di stare di fronte al diverso e di ricevere. Dal genitore di sesso opposto il piccolo impara a dare nella relazione, fatta dell’accoglienza dell’altro. È quindi importante che il bambino cresca con la giusta idea che uomo e donna sono diversi. Necessari entrambi per completarsi.
      Ai figli servono un padre e una madre e amore
      OVVIAMENTE NON TROVANO SPAZIO LE FRASI FATTE
      “Ci sono bambini maltrattati in coppie eterosessuali” “ci sono bambini che crescono solo con la mamma” ecc…
      Tutto esiste
      Esistono le guerre, gli omicidi, la droga ed esiste il male…
      qua si parla di percentuali e numeri e di inclinazione.
      E percentuali e numeri parlano chiaro!!!
      La ricerca del professor Regnerus è stata ferocemente contestata dalla lobby omosessuale, sono stati firmati appelli perché l’Università fermasse la ricerca e licenziasse il docente. Nell’agosto dello scorso anno la risposta del Consiglio accademico: nessuna accusa di faziosità può essere attribuita al professor Regnerus. Oltre alla nota universitaria ora arriva la “benedizione” del quotidiano New York Times – non certo un giornale con tendenze omofobiche – che
      ha fatto valutare la ricerca di Regnerus da 18 diversi esperti universitari che l’hanno definita «rigorosa» e «attendibile». Lo psichiatra americano Keith Russell Ablow, collaboratore del ”New York Times” e di Fox News, riporta i dati ufficiali dello studio di Mark Regnerus, secondo i quali il 23% di chi è cresciuto con una madre lesbica ha dichiarato di essere stato palpeggiato, contro il 2% degli altri giovani. Inoltre, il 31% di quelli cresciuti con una madre lesbica e il 25% di quelli cresciuti con un padre gay sono stati abusati sessualmente e costretti al sesso forzato, contro l’8% di quelli cresciuti da genitori biologici. Hanno più probabilità (40% contro 13%) di essere infedeli al partner, un maggior uso di marijuana, di uso del tabacco, di ore davanti alla televisione, maggior numero di arresti, maggior numero di relazioni e partner sessuali. Infine, il 25% di coloro che sono cresciuti con genitori gay ha contratto malattie sessualmente trasmissibili contro l’8%. E solo il 61% di quelli con madre lesbica e il 71% di quelli con padre gay si definisce eterosessuale, contro il 90 per cento di chi è cresciuto con genitori eterosessuali. Oltrettutto lo studio ha verificato anche tutti gli altri studi fatti precedentemente dalle associazioni LGBT e li ha ritenuti non veritieri e fatti in modo non corretto … ma anche questo naturalmente non ê vero … tutti gli studi pro-famiglia gay sono corretti e tutti gli studi che indicano una realtà che non vi piace non sono corretti… Omofobi gli studi, omofoba la scienza, tutto il mondo omofobo… perfino i vostri figli che soffrono sono irriconoscenti e omofobi …

      http://www.nomblog.com/25297/

  2. Vasi Stamat 11 Aprile, 2017 at 22:16 Rispondi

    Brsva Eveline ;) si e vero ls mamma e solo una è non può essere sostituita di due uomini :( e contro natura :( sono troppo arrabbiata perché la chiesa e d’accordo :(((((((((

  3. Edwige Fratantoni 11 Aprile, 2017 at 22:53 Rispondi

    Nei vostri commenti solo discorsi da cafoni…tanti bambini sono morti sotto le mani delle proprie madri (Franzoni Panarello ecc…) e voi parlate di diritti…un uomo come pochi può valere più di 100 madri assassine messe insieme…l’importante è dare amore

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.