Ministro dell'istruzione Fedeli contro Raggi: “La legge deve essere applicata”

vaccini scuola fedeli raggi

Dibattito acceso tra la sindaca Raggi e la Ministra dell'istruzione Fedeli, riguardo la questione dei vaccini dei bambini che frequentano le scuole

La Ministra dell’Istruzione Fedeli, ha ribadito che è importante seguire alla lettera la legge che regola l’ingresso dei bambini al nido e alla scuola dell’infanzia: gli alunni possono frequentare gli istituti scolastici, solo se sottoposti ai vaccini obbligatori per legge. Naturalmente, bisogna comprendere che non tutte le famiglie, per ragioni differenti, riescono ad assolvere gli obblighi vaccinali nei tempi previsti dalla legge, per questo motivo verranno accettate tutte quelle iscrizioni di bambini che, pur non avendo completato il ciclo vaccinale, hanno però provveduto alla prenotazione dei vaccini obbligatori presso le strutture sanitarie competenti.

Ministro Fedeli: "La salute dei bambini va messa in primo piano"

Virginia Raggi, la sindaca della Capitale, ferma nelle sue posizioni sostiene che prima di ogni altra cosa bisogna difendere e tutelare il diritto dei bambini all’istruzione. Secondo la Raggi infatti è necessario garantire una certa stabilità nei confronti delle abitudini scolastiche dei più piccoli.

Secondo invece il Ministro dell'istruzione Valeria Fedeli, l'elemento che più deve essere tutelato è la salute dei nostri figli: la scuola è sì un luogo importante per l'educazione dei piccoli, ma deve essere sopra ogni cosa un luogo sicuro.

La sindaca Raggi ha subìto diversi attacchi verbali sull’argomento vaccini nelle scuole, anche da parte dal Ministro della Salute Beatrice Lorenzin e da parte di molti pediatri, che sostengono da anni l’importanza della prevenzione nelle scuole. La scuola è infatti una piccola comunità, all'interno della quale si condividono molte esperienze, emozioni e stati d'animo, ma anche un luogo nel quale i bambini comunicano e hanno contatti diretti, con rischio di contagio di virus e batteri. Sottoporsi agli obblighi vaccinali è un bene che garantisce la prevenzione di molte malattie sia per la nostra che l'altrui salute.

46 comments

  1. Mary Foti 7 febbraio, 2018 at 13:02 Rispondi

    Ha fatto bene.. Istruzione nn deve essere negato a nessuno.. É l’ennesima prova ke l’attuale legge sui vaccini è dannosa pasticciata e inutile fatta solo x l’interesse d case farmaceutiche in cui la signora Lorenzin ne fa parte (informatevi pure su ciò).. La legge ke c’era prima andava benissimo…

    • Marina Mazzarella 7 febbraio, 2018 at 15:22 Rispondi

      È comunque una scelta di cui si dovrà assumere la responsabilità … sulla pelle dei bambini però… e non mi sembra giusto! Portano avanti la propaganda elettorale X accattivarsi i novax non prendendo in considerazione la possibilità che un bimbo non vaccinato porti una malattia ad un bimbo immunodepresso o che stia facendo delle cure con immunodepressori e che quindi non può vaccinarsi…. è veramente terribile.

  2. Giusy Emme 7 febbraio, 2018 at 13:45 Rispondi

    …se ammettiamo all’asilo i bambini non vaccinati, questo significa che chi non si è potuto vaccinare o chi è troppo piccolo per essere vaccinato sarà privato del diritto di frequentare l’asilo senza rischiare la vita. Dunque facciamo entrare i figli dei genitori che non rispettano la legge e concretamente sbattiamo fuori i bambini più deboli e sfortunati.

    • Alessia Marino 8 febbraio, 2018 at 03:25 Rispondi

      Non solo ti dito di più Io spero che a breve la legge venga modificata impedendo l’accesso ai bambini senza vaccino non solo alle scuole ma anche ai parchi ai centri commerciali ai centri sportivi e in qualsiasi altro posto dove potrebbero recare danno cosi o lo vaccini o te lo tieni a casa

  3. Eri Ka 7 febbraio, 2018 at 13:45 Rispondi

    Tanto vale solo per la materna !dalle elelmetari in poi l obbligo di vaccino perde contro il diritto allo studio e le famiglie che non vaccinano pagano solo una penale per cui…..

  4. Eura Pirozzo 7 febbraio, 2018 at 13:54 Rispondi

    La sindaca Raggi non ha detto di non vaccinare i bambini ,ma di far finire l’anno a coloro che sono rimasti intrappolati nelle prenotazioni e che cmq si vaccineranno.Diciamo le cose come stanno o meglio tacere.

  5. Rita Blando 7 febbraio, 2018 at 14:00 Rispondi

    Mary Foti e invece facendo così si nega la possibilità di frequentare la scuola a quei bambini che per motivi (spesso gravi) non possono farli i vaccini. Siete degli inetti e ignoranti! Spero arrivino presto provvedimenti seri e concreti per la #settanovax 😡 di cui fai parte. Andreste isolati…!

  6. Daniela Foti 7 febbraio, 2018 at 15:17 Rispondi

    Ma finitela obbligo si obbligo no informatevi prima di parlare,non credete a tutto quello che scrivono giornali e internet, l’imposizione non va bene ,io mio figlio gli ho fatto fare tutti i vaccini molto prima dell’obbligo .la legge diceva 4 obbligatori e il resto facoltativi, leggendo le contro indicazioni erano molto rischiose ma mi sono affidata a una lotteria mi è andata bene, ma non dovrebbe essere così,se si hanno dei dubbi i medici devono fare degli esami specifici, perché magari dei bambini non hanno tutti gli anticorpi e facendo il vaccino rischia delle conseguenze, ecco di cosa hanno paura le mamme che non vaccinano.

  7. Alessia Marino 8 febbraio, 2018 at 03:27 Rispondi

    Io invece spero che a breve la legge venga modificata impedendo l’accesso ai bambini senza vaccino non solo alle scuole ma anche ai parchi ai centri commerciali ai centri sportivi e in qualsiasi altro posto dove potrebbero recare danno cosi o lo vaccini o te lo tieni a casa

  8. Alessia Marino 8 febbraio, 2018 at 03:28 Rispondi

    Io invece spero che a breve la legge venga modificata impedendo l’accesso ai bambini senza vaccino non solo alle scuole ma anche ai parchi ai centri commerciali ai centri sportivi e in qualsiasi altro posto dove potrebbero recare danno cosi o lo vaccini o te lo tieni a casa

Lascia un commento