Primi bagnetti: come lavare i neonati

Partendo dal presupposto che la pelle dei neonati è delicatissima è bene ricordare a tutte le mamme che un’igiene maniacale verso queste piccole creature si rivela più rischiosa che utile. Infatti, sebbene esistano in commercio tantissimi prodotti dedicati alla prima infanzia, tra l’altro per niente economici, i pediatri ci ricordano che i neonati andrebbero lavati con più acqua e meno sapone, in quanto l’uso eccessivo del sapone, per quanto delicato, potrebbe provocare problemi alla pelle. Vediamo dunque qualche consiglio per i bagnetti e la cura dei più piccoli.

Un bagnetto secondo natura

Il modo più adeguato per lavare un neonato, la cui pelle è talmente pulita da non avere bisogno di saponi e detergenti, è utilizzare acqua tiepida con l’aggiunta di un cucchiaino di amido di riso, mentre quando il bambino comincerà a gattonare sarà sufficiente fargli il bagnetto con un detergente neutro.

Qualora vogliate invece acquistare un detergente per neonati assicuratevi per lo meno che sia privo di derivati del petrolio o altri componenti dannosi per la salute, quindi leggete attentamente le etichette.

Creme, gel e salviettine: occhio alle etichette e agli eccessi

Il primo passo da compiere quando vi accingete ad acquistare una crema per neonati è leggere l’etichetta per assicurarvi che il prodotto sia privo di sostanze poco adatte alla pelle di un bambino tanto piccolo.

Inoltre è bene ricordare che la crema andrebbe usata al bisogno e non quotidianamente, anche perché un uso eccessivo occluderebbe i pori fino a generare fastidi e irritazioni.

Per quanto riguarda invece le salviettine e i gel disinfettanti è importante sottolineare che da recenti indagini è emerso lo scarso potere pulente di certi prodotti, che oltretutto contengono allergeni. Pertanto i pediatri raccomandano la buona abitudine di lavare le mani ai neonati con acqua e sapone neutro.

Infine per i genitori che tengono all’epidermide dei propri figli è valida l’idea di sostituire o alternare i pannolini usa e getta con quelli in cotone, anche perché i vantaggi di un tessuto naturale a contatto con la pelle sono notevoli.

Tuttavia, considerata la mole di lavoro di tutte le mamme alle prese con un bambino di pochi mesi o anni, l’idea di dover lavare anche i pannolini non è certo allettante, quindi se non ve la sentite non fatene un dramma, anche perché le cattive madri sono ben altre!

2 comments

Lascia un commento