Riflessologia plantare per il benessere del bambino

riflessologia plantare neonato

Tra la coccola e il trattamento benessere: avete mai pensato alla riflessologia plantare per massaggiare il vostro bambino?

La base del piede – anche nei più piccoli – è ricca di terminazioni nervose e di punti sensibili e reattivi, direttamente collegati con alcune zone del corpo e con specifici organi.

Per alleviare piccoli disturbi del bambino ed aiutarlo a stare meglio, oltre ad un’opportuna terapia sotto stretto controllo medico, potete provare a massaggiare e frizionare il suo piedino.

Ecco qualche consiglio per un massaggio dolce ed efficace.

Punta dei piedi e testa: collegate secondo la riflessologia plantare

Mal di testa, otite, primi dentini che spuntano: se il vostro bambino lamenta un’infiammazione nell’area del capo, sopra le spalle, provate a massaggiargli la punta dei piedini. Una leggera digitopressione in questa zona aiuterà a ridurre un po’ il dolore e a calmare il pianto.

Riflessologia plantare contro il naso chiuso

Raffreddore e naso chiuso e gocciolante? Oltre alle cure mediche, per rendere il fastidio più sopportabile e favorire il relax nel piccolo, provate a massaggiarlo al centro delle dita dei piedi. Una pressione in questi punti sembra aiutare a liberare le cavità sinusali.

Tosse e congestione nasale: provate con la riflessologia plantare

Secondo la riflessologia plantare, la parte alta della pianta del piedino sarebbe connessa con il petto del piccolo: applicate una leggera pressione lungo tutta quest’area per aiutare il bambino a trovare un po’ di sollievo da raffreddore e muco bronchiale.

Stimolate l’arcata plantare per alleviare i disturbi di stomaco

Bruciori di stomaco, coliche gassose, mal di pancino: secondo la riflessologia plantare, la zona del ventre – dall’addominale alto a quello basso – sarebbe connessa a livello nervoso con l’arco del piede. Se il vostro piccolo ha disturbi addominali, provate con un delicato massaggio sulla cavità del piedino.

Lascia un commento