Rito Montessori: festaggiare il compleanno con un inno alla vita

Quando ero bambina io, il compleanno era un evento da festeggiare a casa, con pochi amici, con una torta fatta in casa dalla mamma, qualche bibita da bere...

Oggi, per i nostri figli, si organizzano compleanni che neanche la pianificazione di una campagna militare!

Un alternativa alla classica festa è il rito Montessori.

Rito Montessori: una festa di compleanno che è un inno alla vita

Ben lontano dal caos di alcune feste che si organizzano oggi, il rito Montessori è fatto apposta perché il festeggiato sia davvero "il protagonista" della sua festa: è un inno alla vita del bambino, per ricordare insieme a lui e ai suoi amici i momenti più importanti della sua giovane esistenza, insegnandogli come funziona lo scorrere del tempo, attraverso il legame che c'è tra la Terra e il Sole.

Cosa serve?

  • una sala spaziosa, senza distrazioni
  • un piccolo mappamondo
  • una candela
  • un sole in cartone o in stoffa
  • foto del bambino dalla nascita fino al giorno del compleanno
  • cordoncino per creare un ellisse

 Come funziona il rito?

Si posiziona il cero sulla sagoma del Sole, al centro dell'ellisse fatto con la corda o disegnato sul pavimento, e, attorno ad esso, si fanno sedere i bambini, disposti a cerchio.

Il bambino che festeggia il compleanno inizierà a fare lentamente il giro attorno alla candela accesa, tenendo in mano il mappamondo (a simboleggiare la Terra che compie il suo giro intorno al Sole), mentre un genitore, o un educatore, mostrano le foto dalla nascita e raccontano la storia del primo anno di vita.

Il festeggiato dovrà compiere attorno al "Sole", tanti giri quanti sono gli anni della sua vita, mentre l'adulto continua a raccontare ogni anno vissuto dal bambino attraverso le sue fotografie.

Finito il rito si canta la classica canzoncina "Tanti auguri a te".

Il rito Montessori è la parte centrale della festa, attorno al quale si possono organizzare attività per i bambini come disegno o pittura, si può far costruire loro qualcosa oppure preparare tutti insieme una merenda.

Lascia un commento