Disturbi mentali, OMS lancia l'allarme: sempre più frequenti tra adolescenti e bimbi

disturbi-mentali-oms-lancia-lallarme-sempre-piu-frequenti-tra-adolescenti-e-bimbi

L'OMS (Organizzazione Mondiale della Sanità) ha lanciato recentemente l'allarme a proposito del preoccupante incremento di disturbi mentali tra bambini e adolescenti: secondo uno studio, infatti, una percentuale compresa tra il 10% e il 20% ne ha sofferto almeno una volta, con gravi ripercussioni anche sul loro sviluppo futuro.

Bambini, in aumento i disturbi neuropsichiatrici

Quello che viene indicato spesso come il "male oscuro" pare non sia più oramai una prerogativa degli adulti :  stando ad un recente rapporto realizzato dall'Organizzazione Mondiale della Sanità, disturbi neuropsichiatrici e depressione sono in costante aumento tra i minori. Inoltre, se bambini e adolescenti  manifestano crisi psichiatriche acute o disturbi mentali, è molto probabile che abbiano avuto già dei precedenti, spesso sottovalutati, nel corso dell'infanzia. I dati presentati dall'OMS sono allarmanti e segnalano come circa due giovani su dieci ne siano affetti, con gravi ripercussioni anche per il loro sviluppo: chi infatti ha avuto tale tipo di disturbi, tende a sviluppare delle gravi disabilità ed è anche più propenso ad avere tendenze suicide.

I numeri del fenomeno in Italia

Commentando questi dati, Filomena Albano (magistrato e membro dell'Autorità Garante per l'Infanzia e l'Adolescenza) ha spiegato che in Italia servirebbe un intervento più mirato, dato che mancano delle strutture adeguate sul territorio per seguire i bambini, e ance una migliore comunicazione tra famiglie e operatori di questo settore. Nel nostro Paese ogni anno aumentano del 7% le richieste di servizi di supporto per i disturbi neuropsichiatrici tra i minori, complice anche la mancanza di sostegno psicologico ai più piccoli e il disagio o la solitudine che spesso vivono tra le mura familiari.

Non solo: negli ultimi 24 mesi i disturbi mentali tra gli adolescenti sono cresciuti del 21% (stando ai dati degli accessi al Pronto Soccorso) e il problema è che spesso i ricoveri non avvengono in reparti di Neuropsichiatria Infantile adeguati; infatti esistono pochi servizi esplicitamente rivolti a loro e nel 20% dei casi l'ospedalizzazione avviene in reparti non specializzati.

Please follow and like us:

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.