"Future mamme partorite in casa!"

partorire-in-casa

Dalle pagine de “Il Foglio” giunge un singolare appello da parte del giornalista e scrittore parmense Camillo Langone, il quale, rivolgendosi alle gestanti, chiede loro di partorire il proprio bambino in casa.

Questo appello-suggerimento viene motivato da una ragione ben precisa che nulla ha a che fare con il vantaggio di mettere al mondo il proprio figlio in un contesto familiare in cui la partoriente si sente a proprio agio.

Il parto in casa vale una lapide alla memoria

Langone, nel proprio articolo, utilizzando un tono volutamente altisonante e (forse) semi-serio, ricorda alle donne in dolce attesa che, qualora il loro pargolo diventasse un uomo celebre e di valore, nascendo in ospedale, perderebbe il privilegio di possedere una lapide in propria memoria sulla casa che gli ha dato i natali.

Il saggista, infatti, scrive: “Future mamme, allungate il futuro dei vostri figli, cospargete di gloria le strade delle vostre città: partorite in casa!”.

Siamo certi che la motivazione indicata da Langone per prediligere il parto in casa risulti davvero poco convincente per le gestanti, le cui valutazioni si basano senz'altro su aspetti ben più seri. 

Please follow and like us:

22 comments

  1. Sara Sighi 16 marzo, 2016 at 13:12 Rispondi

    Future mamme partorite in casa così evitiamo di spendere soldi pubblici per cose da niente come la sanità e possiamo comprarci dei caccia. Poi speriamo che il parto vada tutto bene

  2. Ambra Cuomo Caricato 16 marzo, 2016 at 13:46 Rispondi

    Partorite in casa è come “meglio il parto naturale perchè meno rischioso”. Tutto per risparmiare soldi della sanitá.
    Fanno leva su “romanticherie” e idee ormai vetuste facemdole passare per migliori perchè vecchoe come il.mondo.
    Allora basta automobili torniamo.ad andare a cavallo cosi non serve piu il petrolio e non si inquina il pianeta.
    Mamma mia come prendono per il la gente semplice….

  3. Pamela De Caro 16 marzo, 2016 at 13:56 Rispondi

    Vergognoso quest uomo nn sa che molte donne e molti bambini in passato sono morti per aver partorito a casa nella completa ignoranza dovremo tornare a questo …….!!!be caro mio direi proprio di no al diavolo i caccia e le auto blu la salute è futuro non altro …..

  4. DeGio Zar 16 marzo, 2016 at 14:46 Rispondi

    Invece di andare avanti si torna all’età della pietra. Xke rischiare casa quando abbiamo tutte le strutture pubbliche di sto mondo?! Le cose del mondo sono tante. Meglio dire che so’ anziché se sapevo!

  5. Lidia Troisi 16 marzo, 2016 at 15:29 Rispondi

    Allora he servono ospedali he dite alle future mamma di partorire in casa????? In ospedale ce aparechiatura i tutto per nascituro per madre se serve aiuto!!!!!!invece a casa cosa?????

  6. Maria Hop Damato 16 marzo, 2016 at 19:06 Rispondi

    Siamo matti? Se non fossi stata in ospedale mia figlia ora dove sarebbe? Crisi respiratoria improvvisa dopo una gravidanza perfetta…. E poi costi esagerati X tutto ciò che serve….Facciamoli spendere a chi di dovere visto che la nostra maternità rispetto al resto dell’Europa è NULLA ….😓

  7. Lilli Spagna 17 marzo, 2016 at 09:41 Rispondi

    Certo , se poi avete da fare un cesareo d’urgenza come ho avuto io ????????….. Chi dice che il parto non ha alcune complicanze ?????…. Xche’mettere a rischio il futuro nascituro X una voglia della mamma ???????…. Io non sono d’accordo…… Mia figlia sarebbe morta , xche’, tempo di arrivare in ospedale ……….

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.