Il “Time Out” per calmare la rabbia e i capricci

time-out

I vostri bambini sono nervosi e intrattabili? Capricci e proteste sono all'ordine del giorno? Non avete più voce per il troppo urlare e siete sull'orlo di una crisi di nervi? Allora avete bisogno del "Time Out"!

La tecnica del Time Out: pochi minuti per azzerare i pensieri negativi

Di cosa si tratta? Time out significa letteralmente pausa, sospensione, usato soprattutto in contesti sportivi. Applicato ai bambini, il "Time Out" è una tecnica volta a calmare un’euforia esagerata o un'emozione troppo forte.

Come funziona? Durante il tempo stabilito per il Time out, il bimbo deve restare seduto su una sedia o comunque non allontanarsi da un preciso punto della casa, in cui non ci siano giocattoli, distrazioni o oggetti potenzialmente pericolosi.

Il Time Out dovrebbe essere chiamato un po’ prima che scoppi la crisi vera e propria e durare in maniera differente in base all'età del bambino (un minuto per ogni anno di età). Si può anche impostare un timer per controllare il tempo che passa, ma, nel caso il bambino si alzi o si allontani, il timer verrà riavviato.

Una pausa per riflettere

Questa tecnica non deve essere vista come una punizione (e proprio in questo si differenzia dal semplice “Vai in camera tua!”), ma proprio come una pausa, in cui il bambino si mette sulla “modalità off”. Lo scopo è proprio quello di fare una pausa, per calmarsi e riflettere sui propri gesti. Infatti è un modo per invitare il bambino a riflettere, riprendendo il controllo delle proprie emozioni e comportarsi nella maniera corretta in una stessa situazione futura.

Il Time Out dovrebbe stimolare il bambino a tirare fuori le sue emozioni di rabbia, dolore, frustrazione ecc… ed essere in grado di controllarle, facendo comunque capire che può sempre contare sulla mamma e il papà che gli vogliono bene.

E allora, provate e fateci sapere!

Please follow and like us:

10 comments

  1. Priscilla 4 gennaio, 2016 at 15:51 Rispondi

    La tecnica del Time Out è consigliata a partire dai 3 anni, quando i bimbi iniziano a capire le conseguenze delle loro azioni. Per bambini troppo piccoli non ha senso.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.