La scienza conferma: il complesso di Edipo esiste!

complesso di edipo

Abbiamo parlato spesso del famoso complesso di Edipo, teorizzato da Sigmund Freud per indicare il processo di maturazione del bambino e l’evoluzione della sua identità sessuale.

Secondo lo psicanalista, per una corretta crescita del bambino sarebbe fondamentale esporlo a due grandi frustrazioni inflitte – ahimè – dalla madre. La prima è quella legata al momento dello svezzamento, e della privazione del seno materno, mentre la seconda è relativa al periodo dell’allontanamento del piccolo dal lettone genitoriale.

Provando queste due intense frustrazioni in età infantile, il bambino comprende il suo ruolo nella famiglia e definisce il rapporto tra i genitori, cercando di contrastarlo e individuando nel genitore dello stesso sesso un “nemico da affrontare” nella lotta verso la conquista del genitore opposto.

Una teoria, quella del complesso di Edipo che ad alcuni può suonare pretestuosa, poco credibile e che non convince fino in fondo. Tuttavia, la scienza sembrerebbe affermare il contrario.

Una ricerca avvalora la veridicità del complesso di Edipo

Se negli occhi del vostro partner rivedete quelli di papà… Allora siete vittime del complesso di Edipo!

Infatti, secondo alcuni studi condotti dalla Glasgow University, la teoria del complesso di Edipo avrebbe un fondo di verità. Lo hanno verificato gli specialisti coinvolti nel singolare esperimento, andando ad analizzare, all’interno di un campione di 300 persone, l’affinità tra il colore degli occhi del genitore di sesso opposto e quello del partner.

In numerosi casi, la somiglianza è stata incredibile, a testimonianza che è due volte più probabile che gli individui abbiano relazioni con persone che presentano lo stesso colore degli occhi di mamma o di papà.

Il motivo? Le persone tendono ricercare nell’anima gemella i tratti somatici del primo grande amore, ovvero il genitore di sesso opposto.

Scettiche? Guardate gli occhi del vostro compagno e diteci cosa vedete: magari Sigmund Freud sorprenderà anche voi!

7 comments

Lascia un commento