Giornata mondiale senza tabacco: i danni causati dal fumo passivo

Giornata mondiale senza tabacco

Oggi si celebra la Giornata mondiale senza tabacco giunta alla sua 29esima edizione, istituita dall'Organizzazione mondiale della Sanità. Il tema di quest'anno è il confezionamento anonimo delle sigarette, al fine di eliminare colori, immagini o loghi sui pacchetti che potrebbero attrarre il fumatore.

Giornata mondiale senza tabacco: il rischio tumore

Secondo i dati forniti dall'AIRC (Associazione Italiana per la Ricerca sul Cancro) ogni anno si registrano 41mila casi di tumore al polmone e 32mila decessi. In base ad un'indagine Istat gli uomini che fumano maggiormente in Italia hanno un'età compresa tra i 25 ed i 34 anni, mentre la percentuale maggiore delle donne fumatrici è compresa tra le giovani tra i 20 ed i 24 anni.

Fumo passivo e donne in gravidanza: quali sono i pericoli?

Fumare fa male anche a ci sta intorno, in quanto è stato calcolato che il fumo passivo negli ultimi 50 anni ha provocato ben 2 milioni e mezzo di decessi. Le donne che fumano in gravidanza invece espongono il neonato a gravi pericoli, come il labbro leporino, l'asma, la palatoschisi ed una nascita sottopeso.

Il fumo in gravidanza aumenta il rischio di schizofrenia del nascituro, ed i bambini che crescono in un ambiente dove si fuma possono contrarre più facilmente raffreddore, otite, bronchite e problemi respiratori.

2 comments

Lascia un commento