Inps e discriminazione: bonus negati a mamme straniere

bonus mamme straniere

L'Inps con una circolare ha inibito l'accesso alle agevolazioni economiche previste per le donne in gravidanza o neo mamme a 24 donne straniere prive del permesso di soggiorno di lungo periodo. La decisione ha suscitato la reazione delle mamme straniere, poiché la legge 232 prevede il bonus mamma domani di 800 euro a tutte le donne che sono al settimo mese di gravidanza tra il primo gennaio ed il 31 dicembre 2017.

Un diritto per tutte le mamme: il Tribunale lo conferma

Il Tribunale di Bergamo, sezione Lavoro, ha accolto il ricorso delle mamme straniere (provenienti da Nigeria, Albania, Costa d'Avorio, Tunisia, India, Burkina Faso, Bolivia, Pakistan, Ecuador, Senegal, Marocco ed Egitto), che risiedono in Italia da tanti anni e hanno figli nati e cresciuti a Bergamo. Il Tribunale quindi ha invitato l'Inps ad interrompere la sua condotta discriminatoria e ha imposto il pagamento delle mensilità arretrate, più altri 3.000 euro come rimborso spese.

Inps in contrasto con le normative italiane ed europee

Il Tribunale di Bergamo sostiene infine che il comportamento discriminatorio dell'Inps è in contrasto non solo con la normativa italiana, ma anche con la direttiva 2011/98 dell'Unione Europea, che garantisce la parità di trattamento nell'accesso ai bonus per la maternità a tutti i migranti in possesso di un permesso di lavoro o per la famiglia.

67 comments

  1. Silvia Canciani 1 dicembre, 2017 at 11:18 Rispondi

    Grazie per la diffusione della notizia. la decisione del Tribunale potrà essere utile ad altre mamme che sicuramente non hanno potuto presentare la domanda perché le indicazioni INPS negavano loro il diritto che invece hanno per legge.

    • Mamme.it 1 dicembre, 2017 at 11:26 Rispondi

      ciao Silvia e grazie! È nostro dovere informare tutte le mamme affinché abbiamo i diritti che spettano e questo è possibile solo attraverso la condivisione delle informazioni.

  2. Sabrina Piu 1 dicembre, 2017 at 11:41 Rispondi

    Per me qui l’Inps a ragione, perché se sono irregolari e la legge lo dice chiaramente e giusto che non le spetti, esattamente come succede a noi se ci spetta bene altrimenti no….

    • Silvia Canciani 1 dicembre, 2017 at 11:48 Rispondi

      non sono irregolari, hanno un permesso di soggiorno per famiglia o lavoro. La legge prevede che siano regolarmente soggiornanti, non poteva l’INPS prevedere che il premio andasse ristretto solamente a coloro che hanno un permesso per lungo soggiorno ( che si ottiene facendo richiesta dopo aver vissuto regolarmente 5 anni, oltre ad altri requisiti) .

    • Sabrina Piu 1 dicembre, 2017 at 11:55 Rispondi

      L’Inps con una circolare ha inibito l’accesso alle agevolazioni economiche previste per le donne in gravidanza o neo mamme a 24 donne straniere prive del permesso di soggiorno di lungo periodo. La decisione ha suscitato la reazione delle mamme straniere, poiché la legge 232 prevede il bonus mamma domani di 800 euro a tutte le donne che sono al settimo mese di gravidanza tra il primo gennaio ed il 31 dicembre 2017.

    • Sabrina Piu 1 dicembre, 2017 at 11:57 Rispondi

      Qui dice che queste 24 mamme sono prive del permesso di soggiorno… anche se sono qui da anni per ricevere i benefici devono avere tutto in regola… quindi ribadisco il mio pensiero…

    • Liza Gonzalez 1 dicembre, 2017 at 17:47 Rispondi

      Cmq io sono straniera se nn hai un permesso disoggiorni nn ti danno niente o portato mio figlio di sei messe dal pediatra e li escadutta la tessera sanitaria…e nn me lo manco guardato quindi…ragionate io xquanto straniera…parlo…nn tutta lerba e un fascio…e ribadisco cme nn avete voi aiuto nn ce li abbiamo…noi…

    • Sabrina Piu 1 dicembre, 2017 at 19:02 Rispondi

      Liza Gonzalez non si fa di tutta un erba un fascio per carità… noi te compresa se non abbiamo un documento in regola non ci danno nulla a loro invece si???? Qualcosa che non va ce no…

    • Sabrina Piu 2 dicembre, 2017 at 12:54 Rispondi

      Infatti Liza Gonzalez il discorso nostro e propio questo che lo stato sa a chi conviene aiutare più ho meno ci sono stranieri che non hanno nulla è altri che si possono aiutare e tanto anche…. 😡😡😡 cosi come noi italiani…. fanno schifo…

  3. Roberta Bonvecchio 1 dicembre, 2017 at 12:14 Rispondi

    E chissà quante tasse pagano eh queste mamme straniere in italia…bonus proprio meritato..noi italiani se abbiamo qualche risparmio sudato, ci tagliano tutti i bonus. Se invece hai un part time guadagni troppo poco quindi non t detraggono nemmeno le spese mediche, loro invece..anche i tremila euro di rimborso. Una vergogna.

    • Tslil Dayan 1 dicembre, 2017 at 12:19 Rispondi

      Io sono una mamma straniera anche se vivo in Italia da quando ho 11 mesi, ho aperto un’attività e pago regolarmente le tasse, a me hanno negato il bonus bebè nonostante mi avessero accettato la domanda. Non è sempre come pensate voi

    • Chiara Boccardi 1 dicembre, 2017 at 12:27 Rispondi

      certo non sarà sempre come pensiamo noi ma nella stragrande maggioranza dei casi è cosi!!!!!!!!!!!!!!sempre più spesso per questo tipo di richieste chiedono anche il modello isee o un reddito bassissimo che chissà com’è lo possono prendere solo i signori extracomunitari…

    • Ana Maria Covaliu 1 dicembre, 2017 at 12:43 Rispondi

      Anche io sono straniera ma,sono in Italia da 17 ani,a me hanno detto che non c’è assegno di maternità quindi non ho preso niente.A tutte due gravidanze mi hanno detto la stessa cosa,forse sono stata io sfortunata.

    • Tslil Dayan 1 dicembre, 2017 at 13:16 Rispondi

      Cara Chiara invece è proprio così! Io vedo sempre che tutti si accaniscono contro gli stranieri come se fosse colpa loro. Prendetevela col vostro governo che fa le leggi a cavolo

    • Ana Maria Covaliu 1 dicembre, 2017 at 14:39 Rispondi

      Si ,ma poi ho saputo che altri hanno preso proprio nel 2010,2012 o avuto gemelli e quando sono andata a chiedere di nuovo(mi hanno risposto che dovevo fare la domanda entro 6 mesi),e io li avevo detto che sono stata da loro a chiedere informazioni dicendomi che non c’è niente.Risposto(ci dispiace)😊

    • Federica Mazzitelli 1 dicembre, 2017 at 15:37 Rispondi

      Tslil Dayan, scusa, “vostro governo” perché tu dv vivi? E cmq è uno schifo. Non si parla di razzismo o stranieri ma di culture. Se vai ai caf la maggioranza a richiedere sovvenzioni sn stranieri, soprattutto africani, che per cultura sfornano un figlio all anno se nn di più, e poi è ovvio che cn 4/5 figli la donna sta a casa, lavora solo l’uomo e tac il reddito basso. In altre culture dv la donna lavora e paga fior di quattrini il nido senza o cn poche sonvenzioni, cn il suo sacrificio e le sue tasse fa campare anche sta gente. Se il mio governo fa una legge che la faccia perché fa girare l’economia e non per chi viene qui tanto per campa’. Puoi campare bene anche cn solo un figlio. E poi gli stranieri ne hanno un sacco di agevolazioni.

  4. Silvia Canciani 1 dicembre, 2017 at 15:01 Rispondi

    Le mamme in questione sono regolarmente residenti in Italia ( pagano le tasse, i contributi, ecc) e per legge avevano diritto a questo premio. E’ come se l’INPS oggi vietasse a tutte le mamme che non hanno una laurea di accedere ad una prestazione sociale mentre la Legge non richiede tale requisito. Tutto qui.

  5. Agnieszka Andrzejewska 1 dicembre, 2017 at 16:43 Rispondi

    Con grande rispetto Marianna Ingenito ma che vuoi dire che come straniera sono peggio da te? Vivo in Italia da 17 anni lavoro come te pago le bollette le tasse come te miei figli sono nati qui vanno a scuola italiana quindi che vuoi dire ? Sono straniera ma rispetto vostro paese e poi come ho scritto prima vado a lavorare non rubare non mi sembra giusto quello che scrivi

  6. Liza Gonzalez 1 dicembre, 2017 at 17:51 Rispondi

    Mamma mia…senza parole!!nn ti danno niente se nn sei in regola daiii…su…mio figlio e xmetta italiano….ma o dato la mia citadinanza …ma da mamma linsegnero…a essere una persona per bene…xke ste cattiverie…sono un po troppo!!

  7. Patrizia Pellicano 1 dicembre, 2017 at 23:54 Rispondi

    Le straniere che vivono in italia se lo beccano e noi italiane che viviamo all estero sempre a bocca asciutta, includendo l enmpam, che alle dottoresse fuori sede non gli tocca una pippa…. sempre! E io pago il doppio dell Imu perchè la mia casa risulta seconda casa…🧐🤔in italia sono fuori con la testa non c è niente da fare ormai🤯

  8. Maddalena Morandi 2 dicembre, 2017 at 13:49 Rispondi

    Giusto!!! Niente permesso niente bonus che sia a lungo o breve termine non importa ogni agevolazione ha i suoi limiti e anche per averle noi italiani ne impongono tanti quindi siamo tutti sulla stessa barca!! Prendere e remare!!! Basta finiti piagnistei che nessuno è privilegiato!! figurati!!! Non siamo privilegiati noi nel nostro paese che non siano privilegiati loro è l’ultimo dei nostri problemi purtroppo!!

  9. Melissa Roby 2 dicembre, 2017 at 15:30 Rispondi

    Forse non avete ben chiaro per cosa siano nati questi bonus. SONO NATI PER INCREMENTARE LE NASCITE IN ITALIA, che poi siano ben poca cosa è un altro discorso. Quindi, dobrebbero incentivare le scarse nascite italiane. Perciò un giudice che accetti un ricorso tale, è un inetto. Detto questo, non me ne vogliano le straniere perché non è nulla di personale, ma la costituzione italiana sanzisce che, lo straniero che voglia risiedere sul nostro suolo, debba poter provvedere a se stesso, e che, nel momento che non ne fosse più in grado, gli venga dato un periodo per organizzarsi ed abbandonare il nostro paese. Ne consegue che è incostituzionale, ogni forma di sostegno verso cittadini stranieri. A voi tirare le somme!

Lascia un commento