Save the Children: le ferite invisibili dei bambini siriani

ferite invisibili bambini siriani

Si chiama “Ferite Invisibili”, il rapporto elaborato dall’organizzazione umanitaria Save the Children per denunciare i disagi interiori e irreversibili che la guerra in Siria ha determinato nei più piccoli.

Le ferite invisibili dei bambini siriani

Oltre al dramma dei 470.000 morti, infatti, ci sono anche queste ferite silenti e profonde di cui nessuno parla, ma che pure hanno segnato per sempre l’esistenza di milioni di bambini. I dati, del resto, sono agghiaccianti: circa 3 milioni di essi, da quando sono nati, non hanno vissuto una realtà diversa dalla guerra, un bambino su quattro ha subito ripercussioni psicologiche e più di 5 milioni hanno bisogno di sostegno economico ed emotivo.

I bambini siriani che sognano di morire

Molte di queste vittime innocenti sognano di morire per trovare finalmente in Paradiso un po’ di pace e un pasto caldo, altri si rifugiano nelle droghe e nell’alcol per evadere dalla realtà e altri ancora finiscono col praticare l’autolesionismo. Per non parlare poi delle bambine offerte in spose a uomini adulti, quando la famiglia non ha i mezzi per prendersi cura di loro.

Si tratta in definitiva di bambini cui è stata negata l’infanzia e che meriterebbero solo un po’ di tranquillità e di amore su questa terra. 

1 comment

Lascia un commento