Anche in Lombardia vaccini obbligatori per chi i bimbi iscritti al nido

vaccini-lombardia

Vi ricordate la discussione nata in Emilia Romagna per far sì che i bambini che accedono al nido siano vaccinati per forza?

Ecco, adesso la Lombardia ha deciso di pigiare sull'acceleratore e fare una legge ad hoc: e le vaccinazioni obbligatorie saranno quelle contro poliomielite, difterite, tetano, epatite B, pertosse, Haemophilus influenzae, morbillo, rosolia e parotite.

Si tratta di un’iniziativa cosiddetta bipartisan, senza colore politico quindi, perché in ogni partito si condivide l’importanza della vaccinazione.

Si è costretti a fare questa legge, dicono in Lombardia, perché sono sempre meno i genitori che spontaneamente portano i bambini a vaccinare, e quindi la soglia di copertura minima che tiene la popolazione al sicuro si è abbassata.

Ripetiamo che quello che sembra un problema di coscienza singola, si riversa su tutta la popolazione: perché se si interrompe l’immunità di gregge, si mette a rischio la vita di bambini più fragili, che non possono vaccinarsi ma nemmeno affrontare la malattia.

In tanti faranno ricorso…e voi che ne pensate?

102 comments

  1. Miriam Ciannarella 23 maggio, 2016 at 13:28 Rispondi

    Ma contagiare da cosa.. Ma mica sono appestati.. Anzi se mai è il contrario .. Sarebbero più a rischio i non vaccinati .. Ci rendiamo conto che l Italia è invasa da gente straniera proveniente da tt il mondo non solo dall’Africa che gira non vaccinata e non ci sono più casi di epidemie .. E dove sta questa fantomatica immunità di gregge? Non esiste .. Semplice.. Noi adulti per primi non siamo più coperti dai vaccini da anni.. Eppure non siamo degli appestati.. Potremmo fare del danno noi stessi genitori ai nostri figli , non essendo più coperti.. Non si può sapere .. Ma non succede.. Quindi mi pare una grossa incongruenza e basta..

    • Ilaria Liut 23 maggio, 2016 at 13:44 Rispondi

      La stessa regola vale per gli stranieri che frequenteranno l’asilo. La differenza sta nel fatto che negli asilo c’è tutto un giro di di saliva perché le maestre non possono controllare che ogni gioco non vada in bocca a nessun bimbo, è più difficile controllare. Già se porti tuo figlio ai giardinetti puoi cercare di controllare di più.

    • Elena Caliari 23 maggio, 2016 at 14:10 Rispondi

      La copertura dei vaccini serve soprattutto per tutelare chi per immunodepressioni o altro NON può vaccinarsi!!!
      Serve per contenere il contagio e nel caso di un adulo vaccinato anni fa, ridurne drasticamente i sintomi!!!
      È insomma una forma di rispetto per gli altri e fa parte del vivere comune

    • Francesca Battiato 23 maggio, 2016 at 14:55 Rispondi

      Anche se un bimbo é forte e prende ad esempio la varicella e passa senza problemi può portarla a casa dive ci può essere un neonato e li son cavoli se a un neonato viene ad esempio la varicella. vaccinare per tutelarsi e tutelare chi non ha i vaccini perché non può farli o perché immunodepresso.

  2. Beatrice Zanella 23 maggio, 2016 at 13:31 Rispondi

    Sbagliato. I genitori sono i responsabili dei propri figli. Qsta è discriminazione. I genitori che vogliono vaccinare nn temono nulla perché, si suppone, che un bambino vaccinato non prende malattie. Quindi di cosa parliamo? Che articolo è qsto che già dal titolo disinforma? Chi ha avuto danni da vaccino è stato lasciato solo. L’obbligo dei vaccini è una fesseria. Vaccinate i migranti illegali che sono nel nostro Paese visto che non sappiamo chi sono ma vengono mantenuti in hotel… e i rom che si aggirano solo x delinquere e vivono nelle fogne… qsta gente ha l’obbligo dei vaccini?

    • Ilaria Liut 23 maggio, 2016 at 13:40 Rispondi

      I bambini a rischio sono quelli che vorrebbero venir vaccinati ma per colpa di qualche malattia genetica non possono farlo. Mettiti nei panni di un genitore che vuole tutelare il figlio ma non lo può fare perché il vaccino non lo può fare, cosa gli rimane? Evitare i bambini non vaccinati e che quindi potrebbero ammalarsi e trasmettere la malattia.

    • Elena Caliari 23 maggio, 2016 at 14:05 Rispondi

      I genitori che non vogliono vaccinare i propri figli che si sentono unici responsabili e detentori del sapere possono evitare di mandare i propri figli al nido e per come la penso io anche in piscina, alla materna e via dicendo….
      La vita in comunità si che richiede responsabilità e rispetto per gli altri ed è bene che lo imparino tutti, bambini e soprattutto genitori!!!

    • Dania Prioli 23 maggio, 2016 at 14:47 Rispondi

      Tieni tuo figlio a casa con te…..e se poi fosse portatore di una malattia da infare chiunque?E qui si parla di meningite. …rosolia. …epatite..ecc….malattie cin un ekevati tasso di mortalità. ..

    • Beatrice Zanella 23 maggio, 2016 at 14:50 Rispondi

      Io ho vaccinato, non tutti i vaccini, soprattutto quelli iniettati a 3 mesi e 5 mesi qndo il sistema immunitario del bambino non è maturo. Dopo qsti vaccini (esavalente) molti bambini sono diventati autistici. Ma a chi nn è successo se ne frega. Allora dovremo chiuderci in casa, la gente di cui parlo nel mio messaggio sono ovunque, nei negozi, x strada… qsta gente non vaccinata di cui non sappiamo background non vi fanno paura? Solito buonismo senza senso e poco pratico..,, ci sono pro e contro… inutele scrivere le solite scemenze.

    • Alessandra D'Amico 23 maggio, 2016 at 14:54 Rispondi

      Beatrice Zanella su quali basi scentifiche dici che fai 3 ai 5 mesi il sistema immunitario non è maturo? Lo sai che è una sciocchezza colossale vero? I dati scientifici (quelli veri non quelli fasulli) non riportano niente di tutto ciò. Sono stati fatti test a riguardo ed è stato riscontrato che vaccinare i bimbi e quell’età risultava avere effetti a lungo termine molto migliore rispetto che non a vaccinarli da più “grandi”.

    • Marilena Zappalà 23 maggio, 2016 at 16:57 Rispondi

      Loredana de Giuseppe non si parla solo di malattie esantematiche, ma anche di tetano, altre malattie debellate grazie ai vaccini (difterite, poliomelite) e in più epatite b e un tipo di meningite. Tutto compreso nell’esavalente che di fatto è l’unico vaccino obbligatorio (anche se solo sulla carta)

    • Marilena Zappalà 23 maggio, 2016 at 18:30 Rispondi

      Infatti è un problema che vengano somministrati con l’esavalente, è chiaramente una questione commerciale. Ma si può scegliere di vaccinare a 1 anno anzichè a 2 mesi, di distanziare i richiami, di fare visite dal pediatra pre e post-vaccino. Insomma, un minimo di buon senso si può usare. Inoltre visto che chi vaccina deve firmare un consenso informato, a chi non vaccina farei firmare un dissenso informato, se non lo si fa già. Perchè è assurdo che ci si possa rifiutare semplicemente non presentandosi alle Asl.

    • Alessandra D'Amico 23 maggio, 2016 at 19:01 Rispondi

      Riesci a dimostrare che è grazie alle migliorate condizioni igieniche che sono stati debellati i vaccini? Perché se ne sei sicura fatti una bella doccia ed entra in un reparto di infettivologia.. con il tuo ragionamento dovresti uscirne sicuramente immune

    • Marilena Zappalà 23 maggio, 2016 at 22:07 Rispondi

      Nessuno dice che sono innocui, le reazioni avverse ci possono essere, seppure rare. Questo mi pare che non lo neghi nessuno. In assenza di reazioni avverse gravi i medici che sostengono che siano dannosi si contano sulle dita di una mano … forse anche meno?

    • Valentina Fanfoni 23 maggio, 2016 at 23:19 Rispondi

      …volevo fare una precisazione a Loredana de Giuseppe: se un bambino, figlio di testimoni di Geova, ha bisogno di trasfusioni e le vengono negate, ai genitori viene tolta la patria potestà e data temporaneamente la tutela all’ospedale, giustamente aggiungo io, come ritengo giusto che i bambini debbano essere vaccinati per essere ammessi al nido… io alle mie figlie ho fatto fare anche i vaccini non obbligatori (altra precisazione in lombardia il vaccino non obbligatorio è per parotite pertosse morbillo e rosolia) e sono contenta della scelta fatta…. nel maggio 2014 al nido che poi a settembre avrebbe incominciato la mia seconda figlia è morta una bambina di meningite (quella compresa nell’esavalente) e questo perché? … perché i genitori avevano deciso di non vaccinare la piccola… lascio, quindi, a voi trarre le conclusioni

  3. Marilena Zappalà 23 maggio, 2016 at 13:52 Rispondi

    Io sono assolutamente pro-vaccini ma il diritto all’istruzione non si tocca. Però visto che si parla di bambini piccoli che non vanno alla scuola dell’obbligo un senso potrebbe averlo questo provvedimento. Nell’impossibilità di mandare i figli all’asilo vedrete quanti genitori fanno marcia indietro nel non voler vaccinare …e da qui si capirebbe quanti lo fanno per “moda” e quanti hanno invece convinzioni profonde.

  4. Sara Gal 23 maggio, 2016 at 13:52 Rispondi

    Penso sia un enorme st******a!!!se il vaccino rende immune tutti da tutto e se coloro che sono vaccinati non contagiano nessuno,spiegatemi per quale motivo l infermiera che fece il vaccino a mia figlia mi disse di prepararmi perché una volta entrata alla materna si sarebbe presa di tutto.Ma di cosa stiamo parlando?Ma come..viviamo in un paese democratico e poi esce una legge simile?da chi poi?da una petizione partita da una mamma che è più quel che non sà che quel che sà!?ma veramente?Pensate a far mettere le telecamere d obbligo sia al nido che alla materna invece di obbligare i genitori a vaccinare i propri figli!Italia paese della demenza totale.

    • Elena Caliari 23 maggio, 2016 at 14:18 Rispondi

      Risposta semplice Sara: perché il vaccino non rende immune tutti da tutto ma solo dalla specifica malattia che viene inoculata e per cui tua figlia ha sviluppato anticorpi!
      Gli anticorpi del raffreddore può farseli da sola anche perché i ceppi sono mille e tutti diversi!
      La differenza è che di raffreddore non si muore o non si rimane menomati mentalmente, di pertosse e morbillo si!
      La democrazia è anche accettare il volere della maggioranza; forse sei tu quella che dovrebbe informarsi di più

    • Nadia Jones Zantedeschi 23 maggio, 2016 at 14:41 Rispondi

      ma sapete di cosa state parlando? ?!!o vi piace dare aria alla bocca? !!voi siete coperte dalla pertosse e dalla meningite? ?non credo proprio !!allora chiudetevi in casa perché potreste infettare bambini andando in luoghi pubblici! !!

    • Sara Gal 23 maggio, 2016 at 14:59 Rispondi

      Dania..mia sorella da piccina ha avuto l ipertosse e mia madre non la fece andare alla materna dove ci sono altri bimbi finché non guarì,dunque ripe to,di cosa stiamo parlando?

    • Marilena Zappalà 23 maggio, 2016 at 15:18 Rispondi

      Non ti seguo … ti mandi tuo figlio con l’influenza all’asilo? No suppongo … e nemmeno con la pertosse o la varicella! I vaccini non danno copertura totale se all’interno di una comunità non sono tutti vaccinati. È il cane che si morde la coda.

    • Sara Gal 23 maggio, 2016 at 15:35 Rispondi

      Marilena Zappalà Se devo seguire la tua logica allora permettimi di dire che se noi adulti in primis non facciamo tutti i vaccini di routine è un cavolo e tutt uno discutere di quest argomento ed è inutile imporre una legge dove si obbliga un genitore a vaccinare il proprio figlio,per questo motivo dico che è un enorme st******a.

    • Marilena Zappalà 23 maggio, 2016 at 15:44 Rispondi

      In teoria gli adulti di oggi i vaccini li hanno fatti da bambini …mi pare un’ovvieta’. In ogni caso un adulto non ha il sistema immunitario di un bambino e molte malattie infantili non ci riguardano

    • Chiara Zuccolotto 23 maggio, 2016 at 18:35 Rispondi

      Il vaccino della pertosse noi non lo abbiamo fatto da piccoli.. E nemmeno della rosolia.. E neanche della varicella.. E men che meno della scarlattina.. E io le obbligatorie le ho fatte tutte da piccola..

    • Marilena Zappalà 23 maggio, 2016 at 18:47 Rispondi

      I vaccini son cambiati, la pertosse adesso si fa con l’esavalente, mpr non c’era nemmeno tra quelli raccomandati. Varicella e scarlattina non sono malattie che possono avere conseguenze gravi , di fatto ai miei bambini non li ho fatti (il piccolo ha fatto la varicella a 5 mesi contagiato dalla sorella)

    • Chiara Zuccolotto 23 maggio, 2016 at 18:56 Rispondi

      Io non mi metto ne pro ne contro..ognuno pondera le proprie scelte.. Dico solo che noi la pertosse possiamo attaccarla a un bimbo immunodepresso.. È solo un esempio.. Però dico anche che se vai in vacanza all’estero in molti paesi caldi c è rischio di apatite A.. E nessuno,ne pro ne contro, vaccina tipo per questo..

    • Monica Rocca 23 maggio, 2016 at 21:42 Rispondi

      Chiara Zuccolotto i vaccini cambiano con il tempo. Prima ci si vaccinava contro malattie che ora sono state debellate e quindi non sono più necessarie, nel frattempo si sono diffuse altre malattie e sono stati sviluppati i relativi vaccini. La medicina per fortuna sta al passo con i tempi, se lo fossero anche le mamme sarebbe meglio per tutti

    • Valentina Fanfoni 23 maggio, 2016 at 23:45 Rispondi

      Sara Gal io non credo di essere demente perché ho vaccinato (obbligatorie e faciltative) le mie figlie… e credo che la mamma che ha fatto partire la petizione avrà avuto i suoi motivi… potrei essere stata io che ne sai? …due anni fa nel nido che frequenta mia figlia è morta una bimba di meningite (quella compresa nell’esavalente), i genitori avevano deciso di non vaccinarla… tutti gli altri bimbi sono stati sottoposti a profilassi anti meningite? ti sembra giusto? A me no!!! quindi sono d’accordo nell’obbligatorietà delle vaccinazioni per poter iscrivere i bambini all’asilo o al nido!!!!

    • Sara Gal 24 maggio, 2016 at 00:00 Rispondi

      Vale se c’è una cosa che non mi sembra giusta è il dover vedere bambini di 6 mesi,bambini di 3 anni essere presi a calci e a schiaffi da queste cosìdette “maestre”però una petizione per far smettere questo schifo mettendo l obbligo delle telecamere non è ancora partita da NESSUN GENITORE.

    • Manuela Manu 24 maggio, 2016 at 07:56 Rispondi

      Tante malattie sono contagiose ben prima della presenza di segni e sintomi. Mi pare che qui si stia facendo un po’ di confusione. Informatevi da professionisti e non dalle stronzate dette dal vip idiota di turno.

    • Valentina Fanfoni 24 maggio, 2016 at 09:04 Rispondi

      Sara la questione telecamere è un’altra faccenda… io per mia esperienza cmq. ti direi No alle telecamere negli asili o nidi se non è strettamente necessario… perché se ci dovessimo m6wttere telecamere ovunque sarebbe peggio della casa del grande fratello… io farei invece un’altra cosa… quando beccano questi esseri maledetti non li metterei ai domiciliari (troppo comodo) ma in carcere… vedi che bel servizio che gli fanno!!

  5. chiara 23 maggio, 2016 at 13:56 Rispondi

    Lo stesso obbligo andrà però applicato, per le medesime ragioni di tutela dei bimbi, anche a TUTTI coloro che nell’asilo nido ci lavorano: educatrici, inservienti, personale di segreteria ecc.
    Come, non ci stanno a farsi esavalente + trivalente? Ma chissà perche….

  6. Alessia Zanetti 23 maggio, 2016 at 14:26 Rispondi

    Io penso che decidere di non vaccinare non sia una scelta così alla leggera!io continuo a pensarci e ripensarci ma se poi toccasse proprio a mia figlia di essere danneggiata dagli effetti collaterali di mercurio iniettato nel sangue e dai 6 vaccini insieme????? Perché non propongono vaccini singoli???? Non può essere come alla roulette: vaccinare e sperare che non succeda niente!! E poi tutto questo manipolare provette vaccinali contenenti i virus: siamo sicuri che non siano proprio loro a diffonderli involontariamente?

    • Marilena Zappalà 23 maggio, 2016 at 14:32 Rispondi

      La soluzione non può essere NON VACCINARE. Se tutte le associazioni anti-vacciniste serie che ci sono in giro sul web facessero qualcosa di concreto anzichè spaventare la gente con informazioni quasi sempre prive di fondamenti scientifici, potrebbero fare pressioni sul far cambiare il sistema dei vaccini in Italia. Ma come stanno andando le cose, stanno solo demolendo facendo terrorismo. Cmq quando si prende un’aspirina, una tachipirina o un antibiotico stai accettando gli effetti collaterali possibili. Con i vaccini è uguale.

    • Alessia Zanetti 23 maggio, 2016 at 14:37 Rispondi

      Con la tachipirina non rischi l’autismo. Mi spiace ma se il sistema e’ questo io resto della mia idea e credimi ci penso e ripenso conosco chi ha subito questo danno e l’ho avuto anche in famiglia…..

    • Marilena Zappalà 23 maggio, 2016 at 14:48 Rispondi

      Nemmeno con i vaccini rischi l’autismo. Il medico che aveva cercato di dimostrare questa correlazione è stato arrestato per frode e la comunità scientifica è ormai unanime a dire che l’autismo ha cause genetiche. Io posso anche rispettare chi decide di non vaccinare, ma non chi lo fa “per sentito dire” senza informarsi seriamente. Non è un argomento da trattare con superficialità

    • Alessandra D'Amico 23 maggio, 2016 at 15:35 Rispondi

      Lettera alla redazione di Metro, edizione di Roma,
      circa l’articolo del Dr. Lombardozzi, su vaccini e lesioni

      Spett. Redazione,

      nell’ottava pagina di Metro edizione di Roma abbiamo letto un articolo del Dr. Lombardozzi, su vaccini e lesioni.

      Vi si afferma che il Thimerosal sarebbe causa dell’autismo.

      L’affermazione si poggia su “studi” di personaggi appartenenti alla medicina alternativa, come Kirby e Montinari, esattamente come Lombardozzi stesso, omeopata. I loro libri non hanno alcun valore scientifico e costituiscono pura pubblicità per i loro autori: inducono i genitori a spendere 300 euro al mese per seguire le “cure” alternative prescritte, prive di ogni efficacia che non sia quella del placebo.

      Tutti gli studi epidemiologici condotti in molti Paesi, dalla Danimarca al Canada e alla Gran Bretagna, dimostrano che l’affermazione è falsa.

      Infatti da diversi anni il Thimerosal non viene più utilizzato nei vaccini per i bambini. Se questo fosse stato causa dell’autismo, l’incidenza dell’autismo avrebbe dovuto diminuire o azzerarsi. Invece, purtroppo, i bambini nati negli anni ’90 nei Paesi che avevano già adottato vaccini privi di Thimerosal hanno mostrato una percentuale di autismo sicuramente non inferiore a quella delle coorti dei bambini nati in precedenza, vaccinati con Thimerosal.

      Questa prova sperimentale su milioni di casi ha dimostrato la falsità dell’affermazione, tanto che il mondo scientifico non ne discute più da anni, contrariamente a quanto scritto in alto al centro della pagina.

      Tutte le cause intentate negli USA dai genitori di autistici contro i produttori di vaccini con Thimerosal hanno visto la sconfitta dei ricorrenti.

      Per un’informazione seria sull’argomento si rimanda al sito http://www.angsaonlus.org a cura dell’Associazione Nazionale Genitori Soggetti Autistici, la più grande e la più antica fra quelle specifiche per l’autismo, che proprio a Roma, nei giorni 15 e 16 giugno, terrà un congresso internazionale a Roma presso l’Università La Sapienza.

      Carlo Hanau
      direttore de Il Bollettino dell’ANGSA
      docente di programmazione ed organizzazione dei servizi sociali e sanitari, Università di Modena e Reggio Emilia.

    • Alessia Zanetti 24 maggio, 2016 at 15:03 Rispondi

      Nella prima somministrazione di vaccini le farebbero: difterite+tetano+pertosse+poliomielite+epatiteB+haemophilus influentiae B+pneumococco congiunto 😳😑 a me sembrano le prime dosi di 7 vaccini…. Tutti in una volta.

    • Manuela Manu 24 maggio, 2016 at 08:04 Rispondi

      Tanti esperti in cazzate. Non sanno neanche di cosa parlano e di come si ottengono e agiscono i vaccini. Ma la massa ignorante é facile da gestire, ci pensa il vip di turno ad ammaestrarli tutti con le proprie stronzate.

  7. Cinzia Giachello 23 maggio, 2016 at 19:02 Rispondi

    Mi permetgo di dire solo la mia umile opinione senza voler puntare il dito su nessuno…i casi di reazioni avverse dalle vaccinazioni ci sono sempre state..snche un passato. .solo che nn si sapevano…credo che grazie ai vaccini si siano dibellatte molte malattie..e che nn vaccinando possano ritornare e mietere giovani vittime….a volte per la paura mediatica cge ci viene fatta facciamo scegliere agli altri la sslute dei ns figli. .io ho vaccinato mia figlia:certo cn la paura di reazioni strane…ma credo che perdere mia figlia per malattie che avrei potuto evitare grazie ai vaccini mi fa piu paura…logicamente brucia la carne vicino al proptio osso quindi chi ha figli rovinari da vaccini è piu che logico che combatta contro essi….rispetto tutte le scelte e le idde di tutte le mamme.. perché ogni scelts viene fatta per amore e nn prr danneggiare nessuno…

  8. Ross Bosco 24 maggio, 2016 at 14:36 Rispondi

    I genitori devono essere liberi di decidere! Quante possibilità ci sono che un neonato contragga l’epatite all’asilo x esempio? Per come si contrae nessuna!!..pero’ continuiamo a bombardarli con l’esavalente…É il mio modesto parere.

Lascia un commento