Apre il primo nido vegano d'Italia. Iscrivereste i vostri figli?

asilo-nido-vegano

Crescere un figlio porta con se' grandi soddisfazioni, grossi sacrifici e anche un mare di responsabilità. Se da una parte, infatti, abbiamo carta bianca su come educare i nostri figli, insegnando loro i principi e gli ideali che riteniamo nostri, dall'altra il limite a questa libertà la ritroviamo nel superiore interesse e benessere del bambino.

Uno degli argomenti che nei mesi scorsi ha particolarmente animato il dibattito in tal senso è stato quello che riguarda l'educazione vegana dei bambini, neonati inclusi, da parte di diverse coppie di genitori. In diversi casi, si è arrivati davanti a un giudice per stabilire se fosse corretto o meno che la libertà di educazione dei genitori potesse mettere a repentaglio la salute dei piccoli.

A Milano il primo nido vegano 100%

Ora, la filosofia vegana applicata al mondo dell'infanzia torna a far parlare di se' e, in particolare, grazie alla notizia che a Milano, in zona Città Studi, è stato aperto il primo asilo nido vegano al 100%, cioè nel quale non solo l'alimentazione, ma anche gli insegnamenti sono di ispirazione al pensiero cruelty free in ogni sua declinazione.

Per ora sono solo 5 i piccoli ospiti della struttura, ma chissà che in futuro non aumenti il numero dei bambini che, nel rispetto dei principi vegani, trascorrano le prime loro esperienze di vita.

Favorevoli e contrari

Da una parte, possiamo inquadrare l'apertura di questa struttura come una garanzia per i bambini. Uno dei punti in cui vengono criticati maggiormente i genitori vegani è l'affidarsi al fai-da-te, crescendo i propri figli basandosi solo su libri e siti internet, ma senza la consulenza (indispensabile) di un medico specializzato in tal senso. Invece, la presenza di personale qualificato in materia all'interno dell'asilo dovrebbe permettere di conciliare sia il rispetto dei principi vegani che un monitoraggio scientifico sulla corretta crescita dei piccoli.

D'altro canto, non possiamo non riflettere sull'opportunità o meno che i bambini, sin da piccoli, vengano educati secondo principi così drastici, da parte dei genitori. Non sarebbe forse opportuno che la presa di decisioni così drastiche sia da rimettere al loro giudizio e alla loro coscienza, una volta cresciuti?

Please follow and like us:

136 comments

  1. Silvia Alberto Abbo Manfre 6 aprile, 2016 at 18:00 Rispondi

    Mi togliete un dubbio? Secondo il principio vengano che impone a coloro che seguono questa “filosofia”non si mangia nulla di animale e derivati. Bene ai neonati il latte materno viene dato? O essendo un prodotto di un mammifero e quindi un animale di fatto non gli viene dato? Ammesso e concesso che riescano a farlo il latte le donne vegane.

    • Sara Tassara 6 aprile, 2016 at 19:40 Rispondi

      Il latte delle mamme, di ogni specie mammifera, serve al sostentamento e nutrimento dei propri cuccioli. Quindi la risposta è: si, una mamma vegana allatta il proprio cucciolo. E nessuno si sognerebbe di fare formaggio col suo latte togliendolo al suo cucciolo e cotringendola a mungiture intensive. Chi vuol intendere intenda

    • Veronica Rigotto 6 aprile, 2016 at 20:27 Rispondi

      Federica Cinà ti vorrei far sapere perché evidentemente non lo sai…e non mi voglio permettere come hai fatto tu a dare dell’ignorante….anche se mi vengono dei dubbi…il latte materno si forma in base e a quanti ormoni produce il tuo corpo e a cosa mangi!!! Quindi se sei anemica e probabile che il tuo latte non sia abbastanza nutriente per il bambino!!! In base a cosa si mangia il latte può anche sparire!!!….prima di dare dell’ignorante a qualcuno mi accerterei di quello che dico!!!

    • Veronica Rigotto 6 aprile, 2016 at 20:30 Rispondi

      Martina Biondi-Riikonen se per qualche motivo devo passare all’artificiale gli do quello ma questo non significa che divento vegana!!! Mio figlio potrà essere quello che vuole quando avrà le facoltà mentali per capire cosa significa quello che sta facendo e no perché io sono vegana allora deve esserlo anche lui!!!

    • Silvia Alberto Abbo Manfre 6 aprile, 2016 at 20:40 Rispondi

      Cara Federica quella ignorante sei proprio tu come tutti quelli che la pensano come te. Secondo voi i grandi carnivori dovrebbero essere estinti e l’intera catena alimentare inesistente. Senza contare che vi prodigate a difendere i diritti degli animali poi però girate in macchina e uccidete migliaia di insetti, loro hanno meno diritto di vivere di altri esseri se la mettiamo così?

    • Federica Cinà 6 aprile, 2016 at 20:43 Rispondi

      Roba sintetica il seitan 😂😂😂😂 lo sai che si può autoprodurre in casa vero? E che cmq i vegani non lo mangiano tutti i giorni? E che vegano non vuol dire anemico? E che in tutto questo ignorante = che ignora. Se ti senti offesa solo perché ti ho fatto notare che dai fiato alla bocca senza conoscere minimamente l’argomento sono problemi tuoi. Ah e cmq non sono vegana ma non per questo ignoro o discrimino ciò che è diverso o non conosco. Saluti😌

    • Federica Cinà 6 aprile, 2016 at 20:48 Rispondi

      Io??? Ahahah tu che in automatico discrimini tutti i vegani pur non conoscendoli? Che dici che le mamme veganr non riescono a produrre latte o che automaticamente sono anemiche? Bah veramente sei seria?

    • Federica Cinà 6 aprile, 2016 at 20:57 Rispondi

      Non sono vegana ma ripeto informarsi rende il mondo migliore e insegnare a un bambino che un capretto è uguale ad un cagnolino rende il mondo migliore. Poi i bambini che già a 2 anni sono obesi e si ingozzano di schifezze tipo würstel salame prosciutto tutto tace vero? Non fanno notizia? O credi che una mamma che ha una alimentazione per niente sana (carne rossa insaccati molto dolci industriali) riesca a produrre un buon latte? No dai sul serio parliamone!

    • Giovanni Arianna Birolini 6 aprile, 2016 at 21:00 Rispondi

      L’ essere vegani è un fondamentalismo, non rispettero’ mai la “filosofia” vegana. Creano falsi studi con false teorie evoluzionistiche per giustificare il loro modo di vedere il mondo e soprattutto mi disprezzano perché mi piace mangiare l’agnello a pasqua, costringono i figli a diete disastrose in età di crescita e pensano che vaccini e medicinali siano fatti apposta per farci ammalare. Quindi nessun rispetto da parte mia.

    • Silvia Alberto Abbo Manfre 6 aprile, 2016 at 21:00 Rispondi

      Perdonami, chi ha mai detto che io che sto allattando mio figlio mi ingozzo di salame o würstel? Ma leggi quello che la gente scrivi o parli e scrivi a vanvera? Io ho detto che bisogna mangiare bene e un po di tutto. Parliamone cara. Parliamone.

    • Irene Paradiso 6 aprile, 2016 at 21:04 Rispondi

      La dieta vegana non è stata approvata per i neonati. Quello che dice la scienza e’ che può essere pericoloso per il bambino perché non nutrendosi di certi alimenti potrebbe avere problemi nella digestione di alcune proteine e alimenti vari per tutto il resto della vita. Mangiare schifezze fa sicuramente male ma obbligare tuo figlio ad escludere dall’alimentazione tre quarti della roba che mangiano tutti perché noi abbiamo preso una decisione per la vita non è giusto.

  2. Veronica Rigotto 6 aprile, 2016 at 20:24 Rispondi

    Assolutamente no i bambini soprattutto devono ricevere tutte le energie e le sostanze necessarie per crescere!!! E mi dispiace per quanto i fagioli siano buoni e facciano bene e vadano mangiati non sostituiscono la carne!!! Basta mangiare la carne una due volte massimo la settimana e il pesce anche 3 volte!!!

  3. Monica Meraviglia 6 aprile, 2016 at 20:45 Rispondi

    Poi lamentatevi che i vostri figli stanno male….Io ho un amica vegana ma suo figlio che. Ha l età dal mio (16 mesi) è la metà si stanca subito nn cammina molto beve tantissima acqua ….. Io credo che ogni bambino x crescere bene deve mangiare di tutto…Poi quando sarà grande sarà libero di fare quello che vuole ….Ma così si gioca cn la vita dei propri figli….

    • Morena Meneghetti 6 aprile, 2016 at 23:42 Rispondi

      Ci vuole il giusto equilibrio, io Nn sono vegana e di conseguenza nemmeno i miei figli ma nemmeno li porto al mc donald’s al Max il panino con l hamburger glielo preparo io a casa con la carne che so da dove proviene. 😉

    • Silvia Alberto Abbo Manfre 7 aprile, 2016 at 08:17 Rispondi

      Cinzia cavalli solo perché uno non è vegano,non vuol dire che si strafoga di mcdonalds!! Cristo mangiare un po di tutto e in maniera controllata non credo sia aualcosa di astruso! I ultile che continui a spiattellare il tuo epitaffio verde con scritto che i bambini vanno al McDonald come risposta a tutto quello che scrivono le altre!

    • Federica Cinà 7 aprile, 2016 at 10:54 Rispondi

      Guarda caso però ogni volta che sono costretta a passare davanti a un merdonald avendo questo le vetrate mi accorgo con mio rammarico che è semplicemente pieno zeppo di bambini … Chissà i misteri

    • Monica Meraviglia 7 aprile, 2016 at 11:22 Rispondi

      ma infatti nn vuol dire che chi nn è vegano si ammazzi di porcate! Io a mio figlio faccio mangiare un Po di tutto e cresce benissimo,ma. La stessa cosa vale per me io mangio sano e bene carne pesce verdure pasta latte riso…..cerco nel possibile Dell umano di prendere robe fresche biologiche e italiane…..questo è quello che fa bene !!!

  4. Sara Sighi 6 aprile, 2016 at 21:05 Rispondi

    Io non ci iscriverei mai mia figlia ma immagino che prima di autorizzarne l’apertura (e i menù) sia stato necessario l’ok di nutrizionisti e pediatri perciò a sto punto meglio mangiare vegano all’asilo piuttosto che a casa, dove magari le mamme (seppur vegane da tanto) non sanno bene come alimentare un bambino secondo i loro regimi alimentari

  5. Sergio Biasetti 6 aprile, 2016 at 22:22 Rispondi

    Si io lo farei perché no… Vanno controllati anche altri aspetti e non solo la parte dell’alimentazione… In Italia ci sono asili che funzionano altri no questo è importante nella scelta.

  6. Valentina Capizzi 7 aprile, 2016 at 12:12 Rispondi

    Mi piace ma non sono d’accordo. Per me non è giusto imporre ai bimbi questa scelta, dovrebbe essere una convinzione presa nell’ età adulta. Bisogna farli crescere sti cuccioli con tutto ciò che occorre, almeno fino all’adolescenza. E io sono una abbastanza fissata ma non vegana. La maggior parte di chi conosco e dice di essere vegano poi si mangiano e mi vengono a chiedere la bresaola di cavallo al supermercato…da prendere a pugni

  7. Paola Marchan 7 aprile, 2016 at 13:58 Rispondi

    ma x favore… ci stiamo rincoglionendo così tanto??????? i bambini devono mangiare un po’ di tuttoooooo ma io dico abbiamo la dieta mediterranea makke vogliamo di più! !!!?????? preferisco mangiare e morire come tutti gli altri che vivere 100 da vegana o macrobiotica repressa dal cibo o fissata in qualche filosofia del kakkio o chissà che cosa!!! svegliateviiiiiiii

  8. Eleonora Nicora 7 aprile, 2016 at 16:58 Rispondi

    Pur non avendo nulla contro i vegani , anzi sono diventata sensibile a certe cose avendo amicizie che hanno fatto qs scelta , ma trattandosi appunto di una scelta così come la religione ogni individuo deve al tempo giusto scegliete per se ! Qs cosa non la condivido per nulla certo una sana alimentazione é dovuta ma gli estremi su un bambino non sono mai appropriati

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.