Soffocamento: le linee guida sui cibi del Ministero della Salute

linee guida alimenti a rischio di soffocamento

Il dato è allarmante: ogni anno sono all’incirca 1000 i bambini italiani che arrivano in ospedale con problemi di soffocamento e di questi, tra il 60 % e l’80 % derivano dall’alimentazione.

Questo è uno dei motivi per cui il Ministero della Salute ha preparato un documento che dovrebbero consultare tutte le famiglie: le linee di indirizzo per la prevenzione del soffocamento da cibo in età pediatrica. Il lavoro è stato preparato con la collaborazione di una squadra istituita presso la Direzione Generale per la sicurezza degli alimenti e la nutrizione con lo scopo di dare alle famiglie un documento valido e ufficiale.

I cibi più a rischio di soffocamento

Tra gli alimenti più a rischio abbiamo le lische di pesce e gli ossicini di pollo (32%), le noccioline (22%) e i semi (16%). I cibi che possono portare a conseguenze gravi i bambini con età inferiore a tre anni sono i wurstel e la carne.

Perché le linee guida per un pasto sicuro

Lo scopo del documento è aiutare chi si occupa di un bambino piccolo a conoscere tutti gli alimenti che possono diventare un pericolo e portare a un rischio di soffocamento. Ne consigliamo la lettura a tutti! 

12 comments

  1. Ileana Medaglia 11 luglio, 2017 at 23:14 Rispondi

    Quindi non possiamo fare mangiare ai bambini circa metà della frutta perché ha i noccioli ( interpreto la parola semi dell’articolo visto che non credo si siano ai bimbi semi di girasole o link o altro). E niente carne sino ai 3 anni?

  2. Claudia 12 luglio, 2017 at 07:35 Rispondi

    Ma me lo dire il ministero che la carne a mia figlia di un anno devo sminuzzarla e darle una briciola per volta? Rimango davvero basita

  3. Emanuela Colombo 12 luglio, 2017 at 15:38 Rispondi

    Con il primo figlio al primo colpo di tosse mi veniva l’ansia, ora col secondo meno, ma vado sempre cauta col cibo e faccio pezzi piccoli. Quando sento dire ‘il mio a 7 mesi mangia la pizza’ mi sento male!

  4. Conny Maiello 14 luglio, 2017 at 02:16 Rispondi

    Invece di fare una lista dei cibi da evitare dare ai bambini, xk il ministro della salute nn faccia, o meglio, obblighi noi genitori a frequentare un corso PRIMO SOCCORSO x tte l’età dei bambini? P.S. secondo me a pari passi con quello x il parto

Lascia un commento