Violenza sui bambini la maestra viene sospesa

crotone-violenza-bambini-asilo

Una maestra della scuola materna di Crotone è stata sospesa dal suo ruolo d’insegnante con l’accusa di maltrattamento ai bambini.

Tante le denunce presentate dai genitori dei bambini, che dall’inizio dell’anno scolastico avevano notato dei comportamenti sospetti dei loro figli. Agitazione, nessuna voglia di andare a scuola, pianti improvvisi durante la notte.

Percosse e pugni per i bambini non collaborativi

I bambini hanno raccontato ai loro genitori che subivano colpi alle mani, ma anche al viso e in testa. Percosse alle gambe, spintoni per farli cadere dalla sedia, violenze su violenze. Una delle mamme che ha sporto denuncia, sentita il 20 dicembre dagli inquirenti, ha testimoniato di un pugno dato alla pancia di suo figlio, perché non aveva collaborato alle prove della recita di natale.

Violenza sui bambini, non era solo fisica

Dopo un’indagine investigativa da parte della squadra mobile di Crotone, con video che dimostrano la colpevolezza della maestra, è risultato che la donna con i suoi modi interveniva anche sulla psiche dei bambini da lei ritenuti più lenti, che se magari non finivano in tempo la merenda era capace di strappargliela dalle mani per buttarla davanti ai loro occhi. 

114 comments

  1. Valeria Gargiulo 22 dicembre, 2016 at 11:08 Rispondi

    Io non ho parole in merito, e non per queste malate di menti che sfogano sui bambini ma per uno stato che non fa nulla, che vuol dire sospese? che pena è? tra qualche mese ritornerà a lavoro e come se nulla fosse riprenderà la sua professione, se cosi possiamo chiamarla, e intanto quei bimbi saranno traumatizzati a vita. Vergogna fate schifo!

  2. Silvia Dangelo 22 dicembre, 2016 at 11:13 Rispondi

    Perché bisogna aspettare che accada per crederci? Telecamere obbligatorie in tutte le scuole e maestre consapevoli che ci sono e che vengono controllate, forse starebbero al loro posto svolvendo il lavoro che hanno scelto. Perché prendersi cura dei bambini deve essere una vocazione oltre che fatto col cuore. Mi auguro che tutte le maestre “mostro ” non trovino più lavoro. Ma loro stesse non hanno figli o nipoti? Non possiamo fidarci più di nessuno

  3. Patrizia Caciagli 22 dicembre, 2016 at 11:21 Rispondi

    è inaccettabile che venga solo sospesa ci sono veri e propri abusi su minori stiamo parlando di violenza fisica !!! accertata!!!! ci vuole la galera , ecco perché continuano ad accadere simili cose perché le punizioni non sono severe VERGOGNA!!!!

  4. Jessica Sabatino Alderuccio 22 dicembre, 2016 at 11:37 Rispondi

    E poi dicono che portare o bimbi a scuola e obbligatorio e io mi domando come io posso affidare il mio bambino a persone sconosciute che fanno del male a loro e non vengono neanche punite… per questo… sai che dico che mio figlio resterà a casa con me gli imparerò io come leggere o scrivere… perché se capitasse a me una cosa del genere io non credo che resterà viva la maestra i suoi parenti la potranno salutare in una bara sempre se la riconosceranno… persone che non devono esse e neanche definite tali… E la giustizia non fa noente per questo… la sospende e perché licenziare e con la certezza di non trovare più un lavoro di qualsiasi genere… morire di fame e forse dico forse solo allora questa cosa verrà cancellata

  5. Veronica Infoetuna 22 dicembre, 2016 at 11:37 Rispondi

    Ci sn persone che rubano x mangiare e vengono arrestate e poi ci sn “Animali”come questa chiamiamola maestra che si permette di menare a dei bambini che x altro sn anime indifese e nn le fanno niente anzi la mandano a casa..ma stiamo scherzando?????Ma chi l ha giudicata x nn buttarla in carcere sicuramente era ubriaco opp drogato xk forse solo li dentro ci sarebbero state persone che l avrebbero uccisa senza farsi nessuno scrupolo xk i bambini nn si toccano!!!maledetta

  6. Amina Iacob 22 dicembre, 2016 at 12:26 Rispondi

    Sospesa? ?…credo che ul giudice che ha ordinato la sospensione ha una rotella che gli gira nelverso sbagliato. .. ma quandi mai?? ? Oggi giorno ci sono i stalker che vanno in gallera e quel essere indegno ha ripetutamente schiafeggiato bambini indifesi. .. c’è da prendere a schiaffi lei e a chi a deciso la sua sospensione …vigliacchi maledetti. ..METTIMO LE TELECAMERE NEGLI ASILI .CASE DI RIPOSO.. .E DOVUNQUE SI TROVINO I NOSTRI CARI INDIFESI.. .

  7. Ambra Ori Andrea Nepi 22 dicembre, 2016 at 12:40 Rispondi

    Io ho lavorato con i bambini per 10 anni all’asilo nido, adesso sono a casa a guardare il mio cucciolo. I bambini sono la cosa più bella che ci possa essere, e’ un lavoro faticoso ma ci vuole pazienza e dedizione, proprio come ad un medico o a chi guarda gli anziani, se mancano queste cose cambiate lavoro. Telecamere obbligatorie e pene con la P maiuscola. Sono violenze che segnano un bambino per la vita!!! Vergogna!!!

    • Cristina Astori 23 dicembre, 2016 at 17:08 Rispondi

      Io sono mamma e maestra, seppur alla scuola primaria. Hai ragione, i bimbi sono meravigliosi, però moooolto faticosi.
      Per questa ragione io credo sia giusto tutelare tutti: gli insegnanti dovrebbero avere a disposizione un supporto psicologico gratuito, un aiuto, proprio per evitare il burn out e quindi la perdita del senso del proprio lavoro.
      Insomma, una sorta di sportello di ascolto, magari anche obbligatorio, che quando avverte il pericolo, tu dica: Cara collega, forse è il caso che tu ti fermi un attimo…

  8. Eugenia Eugenia 22 dicembre, 2016 at 14:16 Rispondi

    A calci nel cullo! !!! Licenziamento immediato 😠😠 e che cazzo ,noi grandi quand’è cazzate facciamo ogni minuto ? Allora dovrebbero prenderci a schiaffi sempre .!!!!! I bambini Nn Sì Toccano! !!!!!

  9. Mary Montagnola 22 dicembre, 2016 at 22:27 Rispondi

    Non devono essere sospese,ma messe in mezzo ad una piazza e ricevere da chiunque passi : un pizzico,un calcio ,sberlone ecc ecc…. Poi dentro a marcire😡😡😡😡😡leggi italiane di MERDA!

  10. Simo Verde 22 dicembre, 2016 at 23:59 Rispondi

    Stiamo ancora a penetra così irrisorie e inutili ci vogliono le Pene con la P maiuscola violenze fisiche e psicologiche segnano i bambini ma se non amano i lavoro che fanno perché cazzo non si dimettono dall’incarico che rabbia

  11. Maryanna Mary Tuca 23 dicembre, 2016 at 06:55 Rispondi

    Allora, premetto ché sono contro la violenza ma se per caso capitasse a me una cosa del genere finisce molto male
    I bambini e le persone anziane non si toccano
    Ma le telecamere quando li mettono?
    Come in tutte le cose se non ce morto non arrestano molestatore e ora ché vi svegliati se no la gente si fa giustizia da soli poi non venite a rompere le scatole…..

Lascia un commento