5 cose che forse non sai sui gemelli

gemelli

George Clooney e la moglie Amal, ne hanno appena annunciato la nascita.

Beyoncé, insieme al marito Jay-Z, ne sono ancora in attesa.

Jennifer Lopez, Mariah Carey, Sarah Jessica Parker, Julia Roberts e Céline Dion, ne hanno di già grandicelli.

Stiamo parlando dei gemelli: un fenomeno non più così raro, ma sempre affascinante.

Ecco, allora, le 5 cose che forse non sai sui gemelli.

1. Sempre più gemelli

Dal 1980 i parti gemellari nel mondo hanno subito un’impennata. La causa? L’aumento di fecondazione in vitro e di riproduzione assistita. Una recente ricerca ha stimato che nell’anno 2014, il 3,4% dei bambini nati negli USA erano gemelli!

2. Mamme più adulte, più possibilità di gemelli

Oltre i 40 anni, secondo alcuni studi, aumenterebbe la probabilità di avere gemelli anche senza il ricorso a tecniche artificiali. Il motivo? Probabilmente un tema di naturale evoluzione della specie: il corpo femminile sente di non poter rimanere incinta molte altre volte a seguire, e quindi ottimizza il numero di eredi.

3. Sei alta? Potresti avere dei gemelli

Tra le cose che forse non sai sui gemelli, questa è una delle più curiose: le donne più alte della media, hanno una maggior probabilità di avere gemelli. Il livello più elevato di ormoni della crescita, infatti, non influisce solo su altezza e sviluppo corporeo, ma è anche connesso con l’incidenza dei parti gemellari.

4. Gemelli i figli, diversi i padri

Può succedere anche di portare in grembo due figli gemelli, ma di due padri diversi. Capita quando le donne ovulano più di una volta e vengono fecondate da due partner diversi. I gemelli in questione saranno, ovviamente, eterozigoti.

5. I gemelli hanno una gestazione più breve

Per evitare rischi dovuti alla presenza di più di un feto nel grembo materno, gli specialisti suggeriscono di fare nascere i gemelli alla 37esima settimana o alla 36esima se i piccoli sono monozigoti. In generale, comunque, i gemelli hanno una gestazione naturalmente più breve rispetto alle normali gravidanze.

22 comments

Lascia un commento