Il decalogo sui vaccini dell'Istituto Superiore della Sanità

vaccini bambini

Le cose che si leggono sul web in merito ai vaccini e al nuovo decreto che li ha resi obbligatori per i bambini che iniziano la scuola sono caratterizzate da molte fake news. Notizie false che creano confusione e fanno andare nel panico i genitori.

Per questo l'Istituto Superiore di Sanità ha stilato una fact checking per rispondere alle domande delle famiglie e far luce su false convinzioni che si tramandano da tempo e non hanno alcun fondamento scientifico.

I vaccini: cosa è vero

  • Il calo di vaccinazioni ha portato a una diffusione maggiore del morbillo e potrebbe causare il ritorno di malattie come la polio e la difterite che erano state debellate nel nostro paese.
  • Il morbillo porta a conseguenze gravi e a un abbassamento delle difese immunitarie risolvibili con la vaccinazione.
  • I vaccini sono sicuri perché testati sia prima che dopo la loro messa in circolazione e sono costantemente monitorati. Eventuali effetti collaterali gravi si verificano in frequenza molto minore rispetto alle conseguenze delle malattie da cui proteggono.
  • I casi di morbillo sono aumentati esponenzialmente e circa il 45% di questi hanno portato i bimbi in ospedale, alcuni con delle serie complicazioni.
  • Il sistema immunitario è sottoposto a uno stress maggiore quando è attaccato dalla malattia che dal suo vaccino nel quale ci sono molti meno antigeni rispetto a trenta anni fa.

I vaccini: cosa è falso

  • I vaccini possono indebolire il sistema immunitario e far comparire malattie autoimmuni. In realtà il corpo umano di un neonato è già capace di rispondere a numerosi antigeni, più di quelli contenuti nei vaccini.
  • I vaccini contengono sostanze pericolose come  mercurio, formaldeide, alluminio. Il mercurio non c'è mai stato, mentre altri elementi sono presenti in quantità molto limitate che non causano danni alla salute.
  • Non c'è correlazione tra il vaccino per morbillo, parotite e rosolia e l'autismo e lo studio pubblicato sulla rivista Lancet, che affermava il contrario, è stato ritirato perché menzognero e il dottore autore del testo radiato dall'albo dei medici.
  • È aumentato il numero dei vaccini nel primo anno di vita con il decreto che ne sancisce l'obbligatorietà. La nuova legge, in verità, non modifica il calendario vaccinale già in corso.
  • Esistono esami che possono prevedere eventuali effetti collaterali dei vaccini. L'ISS fa sapere che non esiste alcun test del genere.

36 comments

    • Rossana Vanali 18 luglio, 2017 at 12:40 Rispondi

      Purtroppo sono tanti ad ignorare ma non solo da una parta come si fa credere
      Ma il punto resta l’obbligo e la coercizione dj massa
      Ogni bimbo e a se ed ha diritto ad un calendario vaccinale personalizzato . Certo questa e la
      Mia umile opinione
      Come pensi anche che la politica sia riuscita benissimo nell’intento di mettere le famiglie una contro le altre e di combattere una battaglia persa in partenza a
      Mio avviso
      Da una parte le mamme chiedono solo più sicurezza dall’altra chiedono obbligo perché spaventare da malattie che fino a fine 2016 (prima delle finte epidemie mediatiche) erano dormienti
      In fondo le mamme vogliono solo il
      Meglio per i loro figli e su queste sono d’accordo e su quello si dovrebbe ripartire
      Mah che tristezza
      Rossana è vaccinata

  1. Cecilia Miniotti 18 luglio, 2017 at 11:55 Rispondi

    Io ho portato mio figlio a vaccinarsi e me lo sono trovato con crisi epilettiche.
    Bisogna passarci e poi di parla.
    Cmq è un farmaco come tutti gli altri e gli effetti collaterali ci sono eccome
    Io non sono un anti vaccino ma far passare l”idea che non abbia effetti collaterali anche gravi è sbagliatissimo

    • Rosaria Bianco 18 luglio, 2017 at 12:59 Rispondi

      Infatti!!! L’idea che non esistano danni da vaccino e che i vaccini siamo efficaci e sicuri é un insabbiamento della realtá INACCETTABILE! Informazione e mass media venduti alle case farmaceutiche cosi come il governo….ê un boicottaggio che vi deve far riflettere!❤ mi dispiace x la tua esperienza.ti sono solidale

    • Tiziana Violante 18 luglio, 2017 at 14:14 Rispondi

      Nessuno dice che non ci siano effetti collaterali..ci sono come X tutti i farmaci esistenti è normale..le reazioni soggettive sono imprevedibili..io ho vaccinato i miei figli X tutto compreso quelli facoltativi e non è mai successo nulla neanche la frequentissima febbre..dipende dal singolo ma i ricercatori valutano il rapporto rischio /beneficio e se questo risulta superiore allora il farmaco passa in commercio..l ho spiegato in termini molto spiccioli

    • Tiziana Bartolucci 18 luglio, 2017 at 15:44 Rispondi

      si incrociamo le dita e andiamo lì sperando che quell’uno su tot non sia mio figlio! Ricordate che però gli effetti non sono solo immediati ma anche e soprattutto a lungo termine. Mi obblighi ma mi tuteli! Cacchio ai bambini non si fanno certi alimenti prima di una certa età poi a tre mesi mi fai un vaccino che chi è allergico all’uovo non lo può fare senza farmi uno straccio di accertamento? Senza dire tutte le altre cose che si rischiano. E comunque nel l’mpr nel foglietto illustrativo c’è scritto che può provocare autismo e in America tante sono le cause vinte a con autismo e tanto altro causato da vaccino. Ma si diciamo che fanno bene e basta che ci frega!

    • Cecilia Miniotti 18 luglio, 2017 at 15:57 Rispondi

      Tu sei stata fortunata.
      Io ora mi ritrovo mio figlio che sta male ogni giorno.
      Nessuno mi aveva preparato spiegandomi gli effetti collaterali più gravi.
      L’asl si è limitata a dirmi avrâ solo un po di febbre.
      Ogni bambino e a se ma deve valere anche su i vaccini.

    • Tiziana Violante 18 luglio, 2017 at 18:09 Rispondi

      Tiziana Bartolucci i vaccini così come molti farmaci possono causare autismo e altro la certezza della sicurezza coi farmaci non si può avere mai e mai si avrà a meno che non vengano dall inizio sperimentati sul uomo ma dato che le controindicazioni colpiscono un numero inferiore rispetto alla popolazione che si vaccina, hanno l ok per essere messi a disposizione…in medicina niente è sicuro al 100% proprio perché la sperimentazione iniziale non è mai sul uomo..chiaro? Tutta la scienza e la ricerca funziona così non solo i vaccini

    • Tiziana Violante 18 luglio, 2017 at 18:12 Rispondi

      Cecilia Miniotti mi dispiace ma io da piccola sono finita in ospedale X l aspirina..non potevo sapere che il mio corpo non la tollera anche se non sono allergica all aspirina..l aspirina ha tanti benefici X tantissime persone (l aspirinetta si dà anche in gravidanza) ma su di me è deleteria..😘😘

    • Tiziana Bartolucci 18 luglio, 2017 at 20:17 Rispondi

      Tiziana Violante bene sperimentiamo sui nostri figli! Senti io la medicina la prendo se sto male e proprio non posso fare a meno, il vaccino lo inietto su un organismo sano che non so se la malattia l’avrebbe mai presa e nel caso comunque ce l’abbiamo avuta in tanto vero è che c’è chi c’è morto come chi è morto per vaccini (ne ho uno in famiglia) ma quelli si sono coincidenze! Voglio sicurezze e certezze visto che si osanna tanto la scienza che però non è infallibile ed è in continua evoluzione. Farmaci che si assumevano magari poi sono stati tolti o modificati.

    • Rosaria Bianco 18 luglio, 2017 at 20:17 Rispondi

      Tutti gli altri farmaci che hanno effetti collaterali non sono obbligatori e pertanto anche i vaccini non dovrebbero esserlo: A meno che non siano efficaci sicuri e puliti! Ma soprattutto se faccio causa alla casa farmaceutica che produce Aulin x un effetto collaterale grave che mi ha arrecato ottengo riconoscimento del danno e risarcimento! Cosa diversa x i danni da vaccino che CHISSA X QUALE RAGIONE non esistono😐…. Vogliamo che si responsabilizzino gli scienziati e le case farmaceutiche e le asl che li somministrano! Solo dopo qst presa di coscienza si potrà forse parlare di obbligatorietà!

    • Tiziana Bartolucci 18 luglio, 2017 at 22:04 Rispondi

      Arianna Vignoni mi riferivo all’America https://www.luogocomune.net/LC/index.php/21-medicina-salute/4510-il-vaccino-puo-causare-autismo-lo-dice-il-bugiardino
      E comunque il problema non è l’autismo ma anche tante altre problematiche a medio e lungo termine.
      Per quanto riguarda il vaccino in uso in Italia onestamente non mi importa dell’autismo mi pare sufficiente tutto quello che c’è scritto anche se casi rarissimi…. https://farmaci.agenziafarmaco.gov.it/aifa/servlet/PdfDownloadServlet?pdfFileName=footer_000200_038200_FI.pdf&retry=0&sys=m0b1l3
      Nessuno fa uno studio preventivo come è scritto e anche se riferisci qualche effetto avverso non ti calcola nessuno a partire dai pediatri, sono tutte coincidenze! Ah no è scienza!

    • Rosaria Bianco 19 luglio, 2017 at 04:40 Rispondi

      Se poi vogliamo fidarci del rapporto dellAiga, compagna di merende delle case farmaceutiche, che non certifica la correlazione tra vaccino e autismo, come tra vaccino x papilloma e crisi epilettiche etc etc… Allora rimaniamo nell’oscurantismo e lasciamoci vaccinare in massa! Purtroppo ormai si vive sotto l’autarchia di una politica medica che fa puro ostracismo e come avrete notato sopra tra le risposte al mio commento ci sono maledizioni ed insulti gratuiti degli “illuminati” che sostengono il Dl lorenzin. Se chi ci governa ha la stessa testa bacata di queste persone stiamo rovinati!

  2. Rossana Vanali 18 luglio, 2017 at 12:24 Rispondi

    Morbillo

    Immunità di gregge (o greggie, visto la nuova tendenza linguistica)

    Vorrei, che insieme a me, senza astio, parolacce, ecc… si commentassero questi numeri, questo è uno dei motivi per cui non credo alla scientificità di quanto affermato.

    Correggetemi se sbaglio, secondo questa ipotesi, più la copertura vaccinale è alta e meno sono le possibilità di ammalarsi.

    Vediamo i dati:

    Anno Copertura Casi Morbillo

    2008 90,1% … 5312
    2009 90% … 759
    2010 90,6% … 3011
    2011 90,1% … 4671
    2012 90% … 622
    2013 88,3 … 2269
    2014 86,7 … 1695
    2015 85,2 … 254
    2016 87,3 … 865

    Personalmente non vedo alcun legame fra copertura e Casi di morbillo

    PS … prima che qualcuna dica che scrivo nuneri a caso questo è il link dove sono scritti e che potete consultare.
    http://Www.epicentro.iss.it

    • Alberto Dreassi 18 luglio, 2017 at 14:33 Rispondi

      1) la relazione non è necessariamente anno su anno
      2) il dato assoluto è poco rilevante, la sua distribuzione territoriale, tenendo conto della mobilità delle persone, conta di più.
      3) tutte queste percentuali sono ben al di sotto dei tassi che, per una malattia virulenta come questa, garantiscono l’immunità di gruppo.
      Il fatto che lei non ci veda relazioni significa solo che potrebbe avere problemi di vista.

    • Rossana Vanali 18 luglio, 2017 at 16:07 Rispondi

      Alberto Dreassi grazie per
      La
      Risposta esaustiva
      Ed educata
      Le ricordo che sono scoppiate epidemie di morbillo anche in paesi dove la percentuale della fantomatica immunità di gregge beeeeee è molto al di sopra del 95
      Ed ora nkn rispondo più perché ero stata chiara
      La gentilezza prima di tutto

  3. Rosaria Bianco 18 luglio, 2017 at 12:56 Rispondi

    Sapete come si dice a Napoli? Acquaiuolo l’acqua é fresca?…é fresca come la neve!!!!
    La salute é un diritto. La liberta di scelta non la coercizione é la strada giusta da seguire! Oggi il governo vuole obbligare i nostri figli a vaccinarsi e domani???

  4. Laura Scola 18 luglio, 2017 at 16:06 Rispondi

    Sappiate che in Nigeria sono stati diagnosticati diversi casi di poliomielite. Non raffreddore, poliomielite! Ad oggi abbiamo migliaia di persone che arrivano da quel paese…e il virus può restare attivo ma senza sintomi per ben 4 anni nel corpo umano. Ma voi gridate pure al complotto…prego che i vostri figli non debbano mai avere a che fare con questa o altre malattie altrettanto devastanti. Ma se dovesse succedere sappiate che la vostra ignoranza sarà pagata a caro prezzo.

  5. Cristina Corti 18 luglio, 2017 at 16:25 Rispondi

    La Legge 25 Febbraio 1992, n. 210 (in Gazzetta Ufficiale, 6 Marzo, n. 55) stabilisce “indennizzo a favore dei soggetti danneggiati da complicanze di tipo irreversibile a causa di vaccinazioni obbligatorie, trasfusioni”. È una legge del 1992, quando ancora non esisteva la “moda no vax”. Quindi tu stato mi obblighi a fare una cosa che potrebbe, per tua stessa ammissione, provocare complicanze di tipo irreversibile. Non fa una piega.

  6. Maria 18 luglio, 2017 at 16:40 Rispondi

    Mamme, prima di prendere per buono quello che vi si dice è sufficiente leggere uno qualsiasi dei bugiardini dei vaccini che stanno per inoculare nei vostri bambini, e noterete che in tutti, o quasi l’ALLUMINIO C’È eccome! e già da questo si può capire che queste 4 righe sono scritte con i piedi. Ma io non ho capito se chi ha scritto l’articolo cerca consapevolmente di prendere in giro la gente, oppure è proprio totalmente ignorante… ma in entrambe le ipotesi, è un mero e insulso , nonché superficiale tentativo di fare un’informazione totalmente deviante e falsa!!! l’autrice dell’articolo dovrebbe leggersi i bugiardini, poi magari parlare con le mamme che hanno figli danneggiati dai vaccini, poi magari leggire qualche ricerca scientifica indipendente, prima di mettersi a scrivere articoli, perché quello che si scrive in siti come questo può avere conseguenze per la salute dei bambini, perché la salute è un gioco. l’OPINIONE DI UNA MAMMA SUL PROPRIO BAMBINO, la sua coscienza, sensibilità, è sempre più importante di quella di chiunque altro! Mamme informatevi, e scegliete senza paura cos’è meglio per i vostri figli. SOLO VOI POTETE SAPERLO, non fatevi influenzare!!!

  7. Dennis 18 luglio, 2017 at 18:26 Rispondi

    Posso capire le ansie, ma se andiamo, ad esempio, a leggere il bugiardino della semplice aspirina troveremo tra gli effetti indesiderati “in rari casi emorragia cerebrale”. E questo vale per qualunque altro farmaco di uso comune.
    Ora siamo sicuri che valga la pena rischiare patologie gravissime per una percentuale irrisoria di effetti indesiderati?
    Una volta ci si fidava dei medici, ora con internet siamo tutti dottori. Per favore a ognuno il suo lavoro. Non si sarebbe arrivati a dover mettere un obbligo se dei genitori sconsiderati non avessero messo a repentaglio la salute dei loro figli, ma sopratutto quella dei figli degli altri.
    Se porto un bambino in una scuola pubblica pretendo che sia garantita il più possibile (il 100% è ovvio che non si può avere) la salute, e se questo deve passare per un obbligo, visto che ci sono genitori a cui dovrebbe essere tolta la patria potestà, ben venga.

  8. Maria Scelfo 18 luglio, 2017 at 19:00 Rispondi

    L’ignoranza avanza a colpi di social. Quando si mette in dubbio la Scienza, non resta che obbligare. Qualcuno dovrá pur tutelare i nostri figli! Se ancora nel 2017 sento affermare che i vaccini provocano epilessia e autismo… Siamo proprio a posto!

Lascia un commento